Music for Cam: arte e musica in scena a Casoria

L’evento, organizzato dal duo KamAak, ha riscosso notevole successo

0
186
Cam

Notti di intensa passione musicale al Cam, il Museo di Arte Contemporanea di Casoria. Il 25 giugno e il 2 luglio, in nome di una lodevole raccolta fondi per il restauro di alcune sale del museo, si è tenuto un concerto che ha visto protagonisti 16 progetti musicali napoletani. Tra i volti noti della città, gli artisti Francesco Lettieri, Ciro Tuzzi, Andrea Tartaglia, Fede ‘n’ Marlen e tanti altri. Gli organizzatori dell’evento, Stella Manfredi e Luigi Castiello (membri del duo KamAak) si sono detti molto soddisfatti. Non mancheranno, di certo, altre occasioni simili in futuro.

Ti consigliamo come approfondimento – Museo Correale: Mod’Arte premia l’unione tra cultura e “haute couture”

Artisti napoletani uniti per il Cam

Cam Casoria

I protagonisti della serata hanno dato prova della loro bravura e capacità di interpretazione delle loro canzoni. Ciascuno ha dato in maniera unica il proprio contributo. Dai progetti musicali più famosi a quelli nascenti, Napoli è stata l’unica variabile costante. Alle pendici del Vesuvio l’arte non conosce limiti. Dai suoni classici a quelli elettrici, l’evento è stato anche un modo per sviscerare la vera natura della musica contemporanea partenopea. Il sentimentalismo che si lega ai temi sociali più dibattuti, come la politica o l’immigrazione, assume un’aria “pulita”, asettica e ovviamente molto più coinvolgente.

La raccolta fondi organizzata per ristrutturare parte del museo si accompagna all’hashtag #musicforcam. La sua programmazione si impegna a coinvolgere diversi linguaggi artistici, attraverso occasioni di incontro e approfondimenti in vari settori.

Ti consigliamo come approfondimento: Nasce a Napoli il primo museo dedicato al gatto nero

La musica come vettore sociale

Cam CasoriaMoltissimi i cantanti in scena sul piccolo palco allestito all’interno del museo. Le loro canzoni hanno animato l’evento per entrambe le serate, tra tele, opere e statue.

Ti consigliamo come approfondimento: Francesca Maresca celebra “Zero&Baglioni”, poeti del terzo millennio

L’obiettivo comune, oltre alla rivalorizzazione del Cam, era certamente quello di creare un contesto in cui riunire una parte dei giovani della città. Un modo per riqualificare, attraverso l’impegno artistico e culturale, un’area generalmente a rischio abbandono della periferia Nord di Napoli. L’esperimento è perfettamente riuscito! Non solo stupisce il gran numero di persone accorse alla manifestazione, ma anche la loro incessante partecipazione, dall’inizio alla fine dello show.

Per ulteriori informazioni sui prossimi eventi al Cam, si invita a visitare il sito ufficiale www.casoriacontemporaryartmuseum.com.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here