Il caldo estremo avrà conseguenze in autunno: in arrivo eventi climatici estremi

0
6
Cambiamento climatico

Se per molti il cambiamento climatico non esiste, forse nei prossimi mesi la sua manifestazione sarà più evidente. Il caldo estremo, le temperature da record, la siccità sono elementi che avranno gravi conseguenze in autunno. Alluvioni, tempeste, cicloni e uragani. Il caldo immagazzinato dagli oceani porterà eventi climatici estremi e distruttivi. Eppure, gli effetti odierni sono già allarmati per pensare che sia troppo tardi.

Ti consigliamo come approfondimento – Ambientalisti si incatenano alla Primavera di Botticelli per protestare contro il cambiamento climatico

Cambiamento climatico: gli effetti saranno ancora più evidenti in autunno

Non bastano gli ambientalisti, le petizioni, le manifestazioni. Non bastano gli scienziati di ogni parte del mondo. Esperti e studiosi, per anni, studiano i fenomeni della nostra Terra, eppure la loro opinione non viene ascoltata. Il caldo estremo, la siccità, questa canicola che non dà tregua sono tutti fenomeni anomali. Non è soltanto un caldo record o un’estate più calda. In tanti tendono a paragonare questa estate a quella torrida e terribile del 2003. La conferma che ogni record è battuto arriva dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, Isac-Cnr. Luglio e giugno hanno registrato, rispettivamente, un aumento di + 2,88 e +2,26 gradi rispetto alla media italiana dal 1800. L’intero 2022 ha fatto registrare, fino a oggi, un aumento di +0,98 gradi.

L’influenza antropogenica sui fenomeni del pianeta sta causando un aumento delle temperature non soltanto sul suolo, ma anche nell’atmosfera. Lo zero assoluto è stato registrato oltre i 5000 metri di altitudine. Questo significa che anche i ghiacciai alpini iniziano a fondere. Se in troppi pensano di poter avere un’estate cristallina per l’abbronzatura, senza nuvole. L’autunno, invece, presenterà il conto. Le stazioni meteo italiane prevedono, per i prossimi mesi, manifestazioni di eventi climatici estremi. Il calore immagazzinato nei mari darà luogo ai cicloni mediterranei, i medicane. Precipitazioni e venti forti che potranno portare ad alluvioni, mareggiate, tempeste.

Ti consigliamo come approfondimento – Crisi climatica: stato d’emergenza siccità in Italia, non è un evento isolato. L’Europa lanciava l’allarme già da febbraio 2022

Cambiamento climatico: il disastro è imminente

Gli ultimi 15 anni hanno registrato un aumento di temperatura costante. Dal 1950, altra estate da record, le temperature sono drasticamente in salita. L’intervento dell’uomo, la sua azione sul pianeta e la sua influenza stanno danneggiando interi ecosistemi. Barriere coralline distrutte dall’aumento delle temperature del mare. Animali che non possono abbeverarsi a causa della siccità. Flora e fauna al collasso e non solo. A pagarne le conseguenze è l’uomo, in quanto specie, in quanto convivente di tutte le specie del pianeta. La mancanza di acqua e la siccità hanno conseguenze sui raccolti. Latte, mais, frumento, mitili, uva e olive. Sono tante e troppe le varietà alimentari a rischio. Come a rischio è l’intero raccolto. Coldiretti è in allarme.

Ma l’allarme più grande è dato dagli scienziati che continuano ad avvertire che non c’è più tempo. Nei prossimi mesi, anche i più scettici pagheranno lo scotto di questo caldo. Se la mancanza di fiato e di energie non bastano, in molti trovano la morte. La disidratazione, la pressione sanguigna, la carenza di sali hanno conseguenze sul corpo. Fino al collasso degli organi. L’Università di Cambridge avverte l’Ipcc, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici. “Il cambiamento climatico ha avuto un ruolo in ogni evento di estinzione di massa. Ha favorito la caduta di imperi e ha plasmato la storia. Anche il mondo moderno sembra essersi adattato a una particolare nicchia climatica. Al disastro non ci si arriva solo per le dirette conseguenze delle alte temperature, come gli eventi meteorologici estremi. Effetti a catena come crisi finanziarie, conflitti e nuove epidemie potrebbero innescare altre calamità e impedire la ripresa da potenziali disastri come la guerra nucleare.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × quattro =