Campania, cercasi annusatori di puzze: lavoro part-time retribuito

0
128
campania annusatori
In copertina: logo dell'Arpac

Campania annusatori di odori: questo è quanto richiede l’Arpac in un bando ufficiale pubblicato pochi giorni fa. Il lavoro è aperto a tutti coloro che rientrano in determinati parametri – elencati nel corso dell’articolo. Il lavoro è retribuito. La scadenza per l’invio di domanda è datata 3 giugno 2022.

Ti consigliamo come approfondimento – Burro nel caffè? La nuova moda nella dieta che fa storcere il naso ai napoletani

Campania annusatori: la richiesta dell’Arpac

ASM Multiservizi BoviarSiete alla ricerca di un impiego? Un lavoro part-time che arrotondi lo stipendio di fine mese? Se sì, il nuovo annuncio dell’Arpac potrebbe fare al caso vostro. L’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania ha ufficialmente pubblicato un bando lo scorso venerdì 13 maggio. Si stanno cercando degli esaminatori di odori “a supporto delle indagini per la caratterizzazione delle maleodoranze segnalate sul territorio”. Le domande possono essere inoltrate entro e non oltre il giorno 3 giugno. Naturalmente i candidati che verranno accettati riceveranno una retribuzione. La paga è di 38 euro per una sessione di tre ore. Il bando può essere reperito seguendo questo link. Con sede a Caserta, l’Arpac vuole “dare consistenza scientifica alle percezioni di disagio olfattivo lamentate dai cittadini. Grazie alla strumentazione acquisita, il laboratorio dovrà contribuire a valutare i miasmi sul territorio. E a individuare le probabili fonti di emissioni odorigene”. Ciò avviene anche attraverso Telegram:

“Altro strumento messo a disposizione dall’Arpa Campania è il bot operativo su Telegram, @ArpacOdorBot, che consente a qualsiasi cittadino di segnalare fenomeni di maleodoranze presenti sul territorio, andando a formare un database che supporta l’Agenzia nell’individuare i contorni del fenomeno e le possibili cause.”

Ti consigliamo come approfondimento – Posillipo, risse in spiaggia con caschi, coltelli e annegamenti: ecco il video

Campania annusatori: quali sono i requisiti?

Per ottenere il posto di lavoro, come già anticipato, è necessario avere dei determinati requisiti. Innanzitutto, il candidato deve avere un buon naso – lo strumento primario per la riuscita del mestiere. Le narici devono ‘funzionare bene’: il candidato non deve soffrire di allergie e sinusiti. Seppur molto comuni, queste sono vere e proprie disfunzioni dell’apparato olfattivo. Inoltre, specifica l’Arpec, non bisogna fumare, mangiare, bere (eccetto acqua) o fare uso di gomme da masticare o caramelle trenta minuti prima dell’analisi e durante la prova stessa. Non causare alcuna interferenza alla propria percezione olfattiva o a quella degli altri esaminatori a causa della mancanza di igiene personale o dell’uso di profumi, deodoranti, lozioni per il corpo o cosmetici. Inoltre, è obbligatorio confermare la maggiore età.

Ti consigliamo come approfondimento – 70enne va in pensione: il Ministero sbaglia ed è costretta a tornare a lavorare

Campania annusatori: serve un titolo di studio?

Borse studio CampaniaSe pensate che questo lavoro si adatti solo ed esclusivamente ai sommelier degli odori, vi sbagliate di grosso! Come già sottolineato, il bando è aperto a tutti. Un ultimo requisito richiesto, oltre alle predisposizioni fisiche, è il diploma di scuola media. Il lavoro non è a tempo pieno – costerà solo tre ore al giorno. L’attività sarà svolta prettamente di mattina, “orario adatto per studenti o per lavoratori con orari atipici”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × uno =