Caos vaccini in Campania. I medici: “Non siamo un Caf, curiamo i pazienti”

0
193
Campania caos vaccini fragili

Campania caos vaccini fragili. Da lunedì la prima significativa accelerata nelle consegne del vaccino Pfizer. Arriveranno  circa 120.000 dosi come spiegato da Ugo Trama, uno dei responsabili dell’Unità di Crisi della Campania. Si tratta del siero destinato ai soggetti «fragili» per i quali questa mattina sarebbero dovute iniziare adesioni alla campagna vaccinale. La procedura deve avvenire attraverso la registrazione sulla piattaforma effettuata dai medici di base. Ma è proprio su questo nodo che il sistema sembra essersi bloccato.

Ti consigliamo come approfondimento – Merkel sfiducia Astrazeneca: “Trombosi sospette”. Stampa: “errore fatale

Campania caos vaccini fragili: l’accusa dei medici 

Campania caos vaccini fragiliI medici di base sono stati presi letteralmente d’assalto da famiglie che hanno in casa pazienti `fragili´ e che vorrebbero prenotare il vaccino.  Molti medici sostengono di non aver ricevuto il link di accesso e le credenziali. Altri dicono di non poterlo fare perché oberati dal lavoro ordinario oltre alla vigilanza sui pazienti positivi in osservazione domiciliare. Inoltre, ci sono le numerose chiamate in preda al panico di chi ha effettuato il vaccino AstraZeneca. Si aggiunge anche l’inserimento in piattaforma degli ultrasettantenni che chiedono aiuto perché non in grado di svolgere la procedura. Il coro unanime dei medici: Così si offende la dignità del medico, noi non siamo impiegati. Questo è un lavoro da amministrativi, da Caf. Noi dobbiamo curare i pazienti.

Ti consigliamo come approfondimento – L’idea di un consigliere: “Diamo AstraZeneca a politici, il popolo si fiderà”

Campania caos vaccini fragili: Unità di Crisi risponde

Campania AstraZeneca sospeso
Foto dal profilo Facebook ufficiale della Regione Campania

In merito al mancato invio di link e credenziali di accesso alla piattaforma denunciato da alcuni medici di famiglia, ha risposto Giuseppina Tommasielli, medico e componente dell’Unità di Crisi della Regione Campania. Ha replicato che non ci sono credenziali da ricevere diverse da quelle già in possesso per l’accesso al sistema già in uso da un anno. Ognuno di loro ha le credenziali e può effettuare la registrazione sulla finestra dedicata ai pazienti fragili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + 3 =