Campania, attivate prenotazioni per vaccino anti-Covid destinato a over 80

0
418
Oggi AstraDay Caserta
Dal profilo Facebook ufficiale della Regione Campania

Campania prenotazioni vaccino – Dal 30 gennaio, la Regione Campania ha attivato il portale per prenotare le vaccinazioni anti-Covid. Il servizio, attualmente, è riservato agli over 80. Gli anziani che non dispongono di mezzi telematici, possono richiedere l’iscrizione al medico di famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania vaccino spray: AstraZeneca arriva con 66 mila dosi per bambini e adolescenti

Campania prenotazioni vaccino: ecco come accedere al portale della Regione

Campania prenotazioni vaccinoCampania prenotazioni vaccino – Dal 30 gennaio, sul sito della Regione Campania, è attivo il portale per la prenotazione del vaccino anti-Covid. La prestazione, al momento, è riservata a tutti i cittadini over 80. Una volta entrati nell’apposita sezione (qui) il vaccinando dovrà inserire il proprio codice fiscale e il numero di Tessera Sanitaria. Sono richiesti, inoltre, un indirizzo e-mail e un numero di cellulare, che saranno utilizzati per la convocazione. Una volta terminata l’iscrizione sulla piattaforma, verrà inviato un codice di conferma tramite SMS. Come ultimo passaggio, arriverà un’e-mail di ulteriore conferma all’indirizzo fornito.

Siccome la prestazione è riservata a persone anziane, è probabile che le stesse non possano usare il servizio telematico. In tal caso, i cittadini interessati potranno affidarsi a terzi e autorizzarli ad eseguire la procedura. In alternativa, è possibile richiedere l’iscrizione al proprio medico di famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Speranza annuncia: “L’Ema dà l’ok per il vaccino AstraZeneca”

Campania prenotazioni vaccino: il punto sul piano vaccinazioni

Campania prenotazioni vaccinoCampania prenotazioni vaccino – Nelle prime settimane della campagna vaccinale, la Regione Campania si è distinta per l’alto numero di dosi somministrate. Tuttavia, dopo una partenza spedita, i cittadini hanno assistito ad una brusca frenata. Il numero di vaccini a disposizione, a causa degli stop di Pfizer/BioNTech, è rallentato rispetto agli standard iniziali. Le fiale rimanenti hanno cambiato “destinazione”. Sono state utilizzate, infatti, come secondo richiamo in coloro che si sono sottoposti alla prima profilassi tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio.

Attualmente, l’Italia ha accordi non solo con Pfizer/BioNTech, ma anche con Moderna. Al più presto, li avrà anche con AstraZeneca. Il piano, rispetto a quello precedentemente concordato, necessita di una revisione. Tuttavia, permettere ai cittadini anziani di prenotare la prestazione è un primo passo importante verso la fine dell’incubo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + 15 =