Campania ancora zona arancione: la regione non cambia colore

0
705
De Luca Covid Natalecampania zona arancione

Campania zona arancione: malgrado le disposizioni ministeriali in regione resteranno attive le norme vigenti. Almeno fino al 24 dicembre, quando poi tutta l’Italia diverrà zona rossa per le festività natalizie. Stamattina la decisione del governatore Vincenzo De Luca.

Ti consigliamo come approfondimento – Conte in diretta annuncia il Vaccine Day In Italia dal 27 dicembre

Campania zona arancione: la decisione di De Luca

de luca covid campania zona arancione

Stamattina il governatore campano ha siglato una nuova ordinanza regionale in riferimento al passaggio della regione in fascia gialla a partire da domani, 20 dicembre. “La Campania non cambia colore, rimane come è adesso: arancione” ha affermato De Luca. Questo fino al 24 dicembre, quando poi saranno adottate misure anti-Covid a livello nazionale. Nuove misure di prevenzione e contenimento del contagio da Covid-19 oltre a quelle in vigore a livello nazionale. In più occasioni il governatore ha sottolineato come un abbassamento dei contagi in Campania si sia realizzato solo grazie a misure straordinarie messe in atto sul territorio regionale.​

Ti consigliamo come approfondimento – Decreto Natale: Giuseppe Conte vara le nuove strette

Campania zona arancione: ecco l’ordinanza

Europa Lockdown pandemia Covid campania zona arancioneTra le misure più importanti contenute nell’ordinanza emessa dal governatore De Luca leggiamo:

  • Divieto per i bar e gli altri esercizi di ristorazione, dalle ore 11,00 del mattino, di vendita con asporto di bevande alcoliche e non alcoliche;
  • Divieto di consumo di cibi e bibite, anche non alcoliche, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico;
  • Per tutti gli esercizi commerciali, obbligo di misurazione della temperatura corporea agli avventori all’ingresso dei propri locali;
  • Raccomandazione ai Comuni e alle altre Autorità competenti di intensificare la vigilanza e i controlli sul rispetto delle disposizioni vigenti, in particolare nelle zone della “movida”;
  • Raccomandazione ai Comuni ai fini dell’adozione, laddove necessario, di provvedimenti di chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − uno =