Campania è zona gialla, ma ristoranti e pizzerie scelgono di non aprire

0
562
campania zona gialla

Da oggi, 7 gennaio 2021, è finalmente Campania zona gialla. È la decisione che ha preso il Governo Conte durante lo scorso DPCM, quello istituito per le vacanze di Natale. Nonostante ciò, i ristoratori hanno deciso di non adattarsi al nuovo colore della regione, mantenendo inalterate le modalità di lavoro di ogni attività. Il motivo è semplice: non c’è abbastanza tempo per organizzarsi.

Ti consigliamo come approfondimento – DPCM in arrivo: quali sono i possibili scenari post 15 gennaio

Campania zona gialla, ma ristoratori ancora in difficoltà

campania zona giallaMa la Campania zona gialla non è un caso isolato: tutte le regioni italiane oggi e domani saranno di tale colore. Nel campo della ristorazione ciò significa solo una cosa: i clienti potranno consumare le ordinazioni ai tavoli o ai banconi, entro e non oltre le 18. Ma questa sorta di ritorno alla normalità non è estendibile a tutti. Alcuni proprietari campani hanno deciso di non tornare in questa modalità. Il motivo riguarda i tempi di organizzazione. Per l’imminente weekend, infatti, tutta la Penisola tornerà in zona arancione in attesa del nuovo DPCM a cui il governo sta ancora lavorando. I tempi ristretti di zona gialla rappresentano solo una difficoltà per ristoratori e pizzaioli, indaffarati con i preparativi per l’apertura. Scelgono quindi di continuare ad agire con le risapute procedure lavorative: l’asporto.

Ti consigliamo come approfondimento – Scuola e Covid in Europa: tutte le decisioni sulla riapertura dei diversi paesi

Campania zona gialla rafforzata: in attesa del nuovo DPCM

vaccino covid funziona decreto natale, zona bianca dpcm
Dal profilo Facebook ufficiale di Giuseppe Conte

Cosa significa Campania zona gialla rafforzata? Sono vietati gli spostamenti tra regioni, se non giustificati da motivi lavorativi o di salute tramite autocertificazione. Restano proibiti assembramenti di qualunque genere e gli spostamenti verso seconde case (se esse si trovano in altre regioni). Continuano a essere in vigore il coprifuoco delle 22 e l’obbligo di indossare la mascherina. I cinema e le palestre non potranno ancora riaprire. Il Governo Conte per la data del 15 gennaio si sta consultando per rilasciare un nuovo DPCM invernale, che deciderà le sorti del nostro Paese. Si decideranno i nuovi colori delle regioni, variabili a seconda dell’indice di contagio da Covid-19, e le nuove modalità comportamentali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − tredici =