Campania, confermata la zona rossa: le parole di De Luca

0
332
CAMPANIA
Ph. dalla pagina Facebook ufficiale di Roberto Speranza

È ancora zona rossa per la Campania. A confermarlo a breve l’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza. Quest’ultima ufficializzerà inoltre il passaggio di Calabria, Lombardia e Piemonte nella zona arancione. Liguria e Sicilia passeranno invece in zona gialla. Non si fanno attendere però le parole del Governatore campano Vincenzo De Luca. 

Ti consigliamo questo approfondimento – Covid: il prima e dopo di un’infermiera che denuncia: “Siamo stanchi!”

Ancora zona rossa per la Campania

campaniaLa situazione in Campania quindi sembra restare invariata dall’ultima ordinanza ministeriale che riguardava proprio la Regione. La Campania resta quindi in zona rossa, almeno fino al 3 dicembre. Sembra confermata inoltre – sempre fino al 3 dicembre – la zona arancione per:

  • Emilia Romagna ;
  • Friuli Venezia Giulia;
  • Marche.
Ti consigliamo questo approfondimento – Vaccino contro il Covid-19: un italiano su cinque dice “No”!

Le parole del presidente della Regione Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca - Fonte: Belvedere news
Vincenzo De Luca – Fonte: Belvedere news

Non si fanno attendere le parole del Governatore De Luca in merito alla decisione. Il presidente campano in una nota Facebook scrive:

Ti consigliamo questo approfondimento – Covid: il dottor Vernillo e sua moglie a supporto dei pazienti in quarantena

Apprendo con viva emozione la decisione del Governo sulle zone Covid. Noi siamo com’è noto, da sempre, per la linea del rigore e della prudenza. Dunque, esprimo la mia piena condivisione, purtroppo solo virtuale, visto che l’unica zona rossa realmente esistente da noi è la zona dell’aglianico. Tutto il resto è propaganda. I controlli sono pari a zero. Sono in libera uscita tutti, tranne i venditori di pantofole di panno beige.

Apprezzo tuttavia la coerenza del Governo: solo tre giorni per entrare in zona rossa; ancora tre giorni per uscirne, senza spiegare mai nulla.
Rinnoviamo intanto la richiesta al Governo di fare un’operazione trasparenza, rendendo pubblici, per tutte le regioni:

1) i dati veri sulle terapie intensive realmente esistenti;
2) i dati chiari e non confusi, sulla tipologia dei tamponi effettuati.

Con immutata stima e commossa partecipazione.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + sei =