La senatrice PD Camusso vs la Meloni: “La Meloni non aiuta le donne”

0
394
Camusso vs Meloni lavoro donne
Dalle pagine Facebook ufficiali della senatrice Susanna Camusso e la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni

Camusso vs Meloni lavoro donne: la senatrice Susanna Camusso ragiona sulla condizione lavorativa delle donne. La senatrice sostiene che la situazione di crisi ha dato visibilità al lavoro di cura delle donne. Inoltre, sostiene che c’è anche una difficoltà per una donna a pensarsi come un soggetto che può rivendicare.

Ti consigliamo come approfondimento-Il Governo Meloni vuole eliminare 500 scuole, aumenta divario tra Nord e Sud

Camusso vs Meloni lavoro donne: dopo il Covid-19

lavori in crescita 2023 lavoro ministero concorsoSusanna Camusso, già segretaria della Cgil, e senatrice del PD ragiona sulla condizione lavorativa delle donne. La senatrice ha risposto in primis alla domanda se il Covid-19 è stato uno spartiacque per le donne e per la loro condizione lavorativa. La Camusso ha detto: “Con il decreto Lavoro il governo Meloni riesce a peggiorare il Reddito di cittadinanza. La situazione di crisi ha dato visibilità al lavoro di cura delle donne, che è stato improvvisamente visto come essenziale. Ciò prima veniva banalizzata e data per scontata, non era considerato un tema di lavoro. Questa improvvisa visibilità ha fatto sì che per un periodo se ne discutesse seriamente, anche se adesso l’interesse sembra scemare con l’allontanarsi dell’emergenza pandemica.”

Ti consigliamo come approfondimento-Def, troppi assenti tra la maggioranza e il provvedimento non passa. Meloni: “Brutta figura”

Camusso vs Meloni lavoro donne: necessità o realizzazione

Concorso Pubblica AmministrazioneSi è espressa anche sulla precarietà del lavoro delle donne e su un possibile cambiamento dei valori delle donne nel lavoro. La Camusso ha dichiarato: “ Il lavoro delle donne è stato per tanto tempo visto come una necessità economica delle famiglie, non come elemento di realizzazione. Sono stati superati alcuni stereotipi. Sembra maturata nelle donne un’altra convinzione. Le donne sono molto più istruite e decise a dichiarare i loro obiettivi di lavoro e non semplicemente la ricerca di un reddito. La prima cosa che le donne mettono in evidenza è il loro non riconoscimento. Il loro valore non viene riconosciuto né in termini di carriera, di retribuzioni o di responsabilità. Una non più giovanissima ingegnera di un’azienda mi raccontava che le dicono sempre che è molto brava. Ma se i suoi colleghi pari grado possono diventare responsabili di cantiere, a lei viene detto che è meglio restare in ufficio.”

 

La Camusso ha risposto anche sulla consapevolezza dell’esistenza delle discriminazioni. La senatrice ha detto: “ Questa consapevolezza non si traduce in reazioni concrete o in capacità di farsi valere. Spesso sono situazioni che vivono le singole. Però il fatto che ci sia una discussione esplicita tra le lavoratrici su questo è già una differenza rilevante rispetto al passato. C’è anche una difficoltà per una donna a pensarsi come un soggetto che può rivendicare.

Ti consigliamo come approfondimento-Aumento pensioni a maggio 2023: ecco gli aumenti e a chi spetteranno

Camusso vs Meloni lavoro donne: donne e migranti

natale neonato morto,Infine, la Camusso si è espressa sulla contrapposizione delle donne con i migranti usata dalla presidente del Consiglio Meloni. La senatrice ha detto: “ Non ha senso, intanto, se si considera quello che dicono quotidianamente tutte le associazioni imprenditoriali. Meloni nel suo discorso di presentazione della fiducia alle Camere aveva promesso alle imprese che avrebbe cercato di rimuovere tutti gli ostacoli. Invece sta facendo il contrario, perché la prima cosa che non vede è che c’è bisogno di manodopera e c’è bisogno di manodopera. Bisognerebbe smettere di parlare di migranti come di persone che non sanno fare nulla se non provare a venire in Italia. È un modo molto razzista di occuparsi di persone che vogliono solo costruirsi un avvenire. Noi li consideriamo un magma indistinto che al massimo può essere impiegato come manodopera dequalificata. Noi continuiamo a vedere i migranti come un carico e non come una straordinaria ricchezza.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti + diciannove =