Uccidono il cane con il veleno usato per i condannati a morte. Lo strazio dell’anziana padrona

0
647
cane tetto, cani avvelenati, cane ucciso veleno

Cane ucciso veleno usato in America per le iniezioni letali ai condannati a morte. Una vera e propria esecuzione che ha lasciato l’anziana padrona nella disperazione. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Dal 24 febbraio 2022 a oggi fra Ucraina e Russia è ancora guerra

Cane ucciso veleno: l’agguato programmato 

cane auto, uccide cane condannato, cani avvelenati, cane ucciso veleno La denuncia arriva dalla famiglia del cane che ha richiesto un’autopsia sui resti del proprio animale domestico. Gli esami hanno ritrovato nel corpo tracce massicce di Thiopental. Si tratta di un farmaco che in America viene dato ai condannati a morte. In Italia è un farmaco poco in uso che è reperibile solo su ricetta. Si tratta di un fortissimo farmaco usato per la cura di certe malattie e per le anestesie in maniera controllata. L’utilizzo di un farmaco così specifico fa pensare che il gesto di avvelenamento non solo sia stato volontario, ma anche premeditato. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Rabbia per la sentenza Rigopiano: 25 assolti e 5 condanne lievi. “Ce li avete uccisi di nuovo”

Cane ucciso veleno: la rabbia dei padroni 

Porta Potty cane, cane ucciso veleno Il cane faceva compagnia ad un’anziana signora, a raccontarlo la figlia della donna che non abita più con lei. Come ogni giorno l’anziana signora aveva fatto uscire il cane di prima mattina per la sua passeggiata autonoma di pochi minuti. Tornato in casa il cane ha iniziato ad accusare i primi malori, il respiro affannato e la lingua blu. Subito è stato trasportato dal veterinario, ma in poco tempo il cuore non ha retto e l’animale è deceduto. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Fedez si difende dalle accuse di Selvaggia Lucarelli, ma balbetta: “Scusate fatico a formulare frasi”

Cane ucciso veleno: l’appello per la verità 

Cane abbaia risarcito vicino, cane ucciso veleno La figlia della proprietaria ha raccontata la vicenda al prefetto di Arezzo chiedendo giustizia. “Cercare di arrivare alla verità e perchè certe cose non si ripetano. Mia madre, a cui il cane faceva guardia e compagnia, non si è più ripresa dopo questo gesto tanto crudele quanto inutile”. Al momento nessun sospettato. Le indagini vanno avanti cercando di trovare testimoni oculari o possibili telecamere che abbiano ripreso il momento dell’avvelenamento.