Cani da tartufo avvelenati volutamente dai concorrenti: uccisi i cuccioli dei cercatori

0
684

Cani tartufo avvelenati, una guerra crudele e senza esclusione di colpi. Sempre più casi di trappole velenose lasciate nei boschi. L’intento è quello di avvelenare i cani da tartufo dei cercatori concorrenti. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Al ristorante ammessi i cani, ma non i neonati: neogenitori cacciati dal locale 5 stelle

Cani tartufo avvelenati: due nuovi casi in val dell’Aniene 

Conversano cane Bondo ucciso, cani tartufo avvelenati Episodi come questo non sono purtroppo casi isolati nel mondo dei cercatori di tartufo. Oltre alle pepite d’oro che vengono richieste in ogni parte del mondo, un vero business è anche quello dei cani cercatori. Un animali addestrato per anni a scovare i tartufi possono venire a costare anche 2.500 euro. Per questo nel competitivo mondo dei tartufi ogni colpo basso sembra essere consentito. Tra questo il più crudele è uccidere i cani addestrati. Delle tragedie che vengono declassate come semplici incidenti e che non tutelano i proprietari o i loro animali. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Foggia, diplomi e attestati falsi per concorsi pubblici: coinvolto anche un ex deputato di Forza Italia

Cani tartufo avvelenati: la denuncia dell’Assotartufai 

Unesco Italia, cani tartufo avvelenati L’associazione Assotartufai condannano duramente l’ultimo avvelenamento denunciato da uno dei proprietari. “Dietro questa vicenda c’è la guerra per il mercato del tartufo: l’uncinato può costare anche 700 euro al chilo. Qualcuno vuole che nella grande tartufaia dei Simbruini vadano pochissime persone, è assurdo”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Padova, 25enne si tuffa nel fiume per fuggire dalla polizia: trovato morto annegato

Cani tartufo avvelenati: la denuncia degli avvelenamenti 

malessere del cane, cani tartufo avvelenati L’associazione continua a descrivere la situazione che ormai si protrae da tempo. “Molti degli avvelenamenti riguardano proprio questa faida tra tartufai. Ma spesso a rimanere vittima di queste esche sono anche volpi e lupi. I bocconi solitamente sono preparati con lumachicidi o addirittura stricnina e vengono resi appetibili nascondendoli nel cibo. Il problema è che le tartufaie sono molto preziose e quindi si cerca in ogni modo di colpire gli avversari. I veleni di altissima potenza possono essere acquistati in un supermarket come al locale consorzio agrario, in latte da un litro che bastano a ucciderne centinaia. Il nostro lavoro è proprio quello di battere certe zone per evitare che accadano episodi simili”.