È morta Carla Fracci: il mondo della danza dice addio all’étoile italiana

0
621
Carla Fracci morta

Carla Fracci morta – Il mondo della danza e quello dello spettacolo in generale devono dire a Carla Fracci. Negli ultimi giorni si sono susseguite diverse notizie sulle sue condizioni e tutte sottolineavano quanto fossero preoccupanti.
La regina del ballo, conosciuta in tutto il mondo, avrebbe compiuto 85 anni il 20 agosto. Lascia il marito Beppe Menegatti e il figlio Francesco.

Ti consigliamo come approfondimento – Antonio Veneziano: una vita all’insegna dell’arte e dello spettacolo

Carla Fracci morta: l’étoile della danza si spegne a 84 anni.

Carla Fracci mortaCarla Fracci è morta. La regina italiana del ballo se ne va in punta di piedi all’età di 84 anni. Negli ultimi giorni diverse erano le notizie sulle sue condizioni di salute e tutte sottolineavano un aspetto: erano preoccupanti.
Preoccupazione che, come si legge su altre agenzie di stampa, erano state fatte trapelare da persone vicine al Teatro alla Scala.

Carla Fracci ha avuto una carriera lunga e piena di successi. Nata nel 1936, studiò danza e si diplomò. Nel 1958 la Fracci riuscì a diventare prima ballerina della Scala e da lì in poi riuscì a calcare i maggiori palcoscenici del mondo. L’étoile italiana ha interpretato sia ruoli romantici che drammatici. Grazie alla sua grazia ha saputo rendere memorabili personaggi come Giselle, La Sylphide, Giulietta, Swalinda e tanti altri.

Diversi e illustri sono stanti anche i suoi partner di danza: i ballerini russi Rudolf Nureyev e Vladimir Vassiliev, Paolo Bortoluzzi fino ai più giovani come Massimo Murru e Roberto Bolle.

Ti consigliamo come approfondimento – Addio a Franco Battiato, uno degli artisti più eclettici del panorama italiano

Avrebbe compiuto 85 anni ad agosto

Carla Fracci mortaCarla Fracci avrebbe compiuto 85 anni il prossimo 20 agosto. Lascia il marito Beppe Menegatti, col quale era sposata dal 1964, e il figlio Francesco. Numerose sono le riconoscenze che la ballerina ha ricevuto durante la sua carriera, tra tutte c’è anche quella che mostra il suo legame con Milano: l’Ambrogino d’oro (1972).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove + 17 =