Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro attacca gli studenti in protesta

0
606
Caro affitti sindaco Venezia
Dalla pagina Facebook di Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia

Caro affitti sindaco Venezia: il sindaco di Venezia interviene in merito al caro affitti degli studenti. Le sue parole sono durissime e scatta la polemica. Secondo il sindaco di Venezia la colpa è degli studenti che cercano case troppo vicine alle Università.

Ti consigliamo come approfondimento-Spray anti orso: primo via libera del Viminale. Ecco come funziona

Caro affitti sindaco Venezia: la colpa è dei studenti

Protesta studenti caro affittiIl sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, sostiene che se uno studente paga troppo per l’affitto in una grande città, la colpa sia sua. Dopo aver dichiarato che chi paga 700 euro di affitto non si merita la laurea perché si sta facendo fregare. Le su parole hanno ottenuto un “Ok, boomer” in risposta da parte della deputata Chiara Gribaudo. Oggi, Brugnaro ha rincarato la dose in un colloquio con la Stampa. Infatti, ha detto: “Rispetto chi protesta. Ma il mio messaggio ai giovani è: non è detto che aspettare la paghetta sociale o che lo Stato vi risolva i problemi sia la scelta migliore. Se poi la protesta delle tende è un momento di socialità, e dentro le tende si divertono anche, fanno benissimo. Dopodiché ribadisco: il mondo va avanti in un certo modo e gli adulti hanno il dovere di dire la verità ai ragazzi”.

Ti consigliamo come approfondimento-Matteo Salvini unisce in un Tweet l’alluvione e la sconfitta del Milan. È polemica

Caro affitti sindaco Venezia: calcoli

Dalla pagina Facebook di Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia

Brugnaro ha detto: “Se vuoi laurearti e fare la classe dirigente del Paese ti devi svegliare. Sennò avremo una classe dirigente che non riesce a fare i suoi interessi, figuriamoci quelli degli altri”. Alla domanda diretta “la colpa, quindi, è dello studente che spende 700 euro al mese per un posto letto?” ha risposto in modo altrettanto diretto: “Certo che è colpa sua. Basta non fissarsi che devi stare per forza a dieci metri dall’università, che è una baggianata totale. Soprattutto in certe città. Uno prima di scegliere l’università metta anche quello nel calcolo. A Milano non è che uno deve per forza andare ad abitare sotto il Duomo o a Venezia in piazza San Marco”.

Brugnaro ha poi improvvisato dei calcoli: “Un appartamento con un paio di stanze e una cucina, in periferia, si trova anche a 600-800 euro. Se dividiamo quella cifra per quattro non vengono certo fuori 700 euro a testa”.

Ti consigliamo come approfondimento-Addetta delle pompe funebri vende online pezzi di cadavere: arrestata

Caro affitti sindaco Venezia: “Sono il futuro”

Dalla pagina Facebook di Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia

Il sindaco ha poi detto: “Bisogna spiegare ai ragazzi l’importanza del lavoro e dell’autonomia. Quando andavo all’università facevo dei lavoretti. Vendevo quadri e tappeti, pulivo ringhiere. Le occasioni di lavoro intermittente ti fanno capire com’è davvero il mondo del lavoro e ti aiutano anche a orientare gli studi. Anche oggi c’è chi pianta le tende e chi si dà da fare. Rispetto per la protesta. Quante tende ci sono? Qualche centinaio. Quanti sono gli universitari italiani? Decine di migliaia. Dopodiché son convinto che le proteste siano legittime e sacrosante. Io stesso al liceo facevo il rappresentante studentesco e protestavo perché non c’erano i laboratori. Saranno anche ragazzi in gamba, ci mancherebbe. Dico solo che non si fossilizzino aspettando che arrivi qualcuno che gli regala le cose. Perché il mondo, dopo l’università, non funzionerà così”.