Al via petizione carrozze treni per sole donne. Discriminazione o sicurezza?

0
337
carrozze treni donna violenza

Carrozze treni per sole donne? È quanto chiede una petizione fatta su change.org e rivolta a Trenord, la società che gestisce gran parte del traffico ferroviario della Lombardia, dopo l’ultimo atto di violenza accaduto sui loro treni pochi giorni fa.

Consigliamo come approfondimento – Ragazza 22enne stuprata sul treno: arrestati un marocchino e un italiano

Carrozze treni per sole donne: la violenza da cui nasce la petizione

La petizione (che potete leggere e alla quale potete aderire a questo link) nasce dopo l’ultima violenza accaduta poche sere fa sulla tratta Milano-Varese. Una donna è stata infatti aggredita e stuprata da due ragazzi, un marocchino e un italiano. Gli stessi ragazzi hanno tentato lo stupro di un’altra donna pochi minuti dopo. Quest’ultima però è riuscita a salvarsi e a dare l’allarme al 112 nonostante lo shock. I due violentatori sono stati fermati poi grazie all’identikit fatto dalle vittime, alle corrispondenze biologiche trovate nei vagoni della violenza e a dei particolari inconfondibili come la stampella che l’italiano usava per camminare o la bicicletta servita per bloccare le vittime.

I due violentatori sono stati arrestati dai carabinieri e portati temporaneamente nel carcere di Busto Arsizio.
Lì sono stati riconosciuti dalle vittime e sono iniziate le prime confessioni; al momento i reati contestati sono quelli di violenza sessuale di gruppo, rapina e tentata violenza sessuale. Dopo questo efferato atto di violenza, è arrivata su change.org la petizione shock.

Consigliamo come approfondimento – Professoressa vieta l’uso del top alle ragazze: “Distraete i maschi”. Le liceali insorgono 

Carrozze treni per sole donne: la proposta in Italia fu bocciata

varese stupro,Non è la prima volta che si parla di carrozze per sole donne in Italia. Addirittura una proposta simile l’aveva fatta la Lega durante le provinciali lombarde del 2009. L’idea fu aspramente criticata dall’opinione pubblica anche perché inserita in un contesto più ampio che prevedeva carrozze “dedicate” anche per i milanesi e gli extracomunitari.

Ma quella delle carrozze “rosa” è una realtà che esiste in diverse parti del mondo. A partire dal Giappone, dall’India, fino ad arrivare al Brasile, alla Malesia e alla Thailandia. Addirittura in India il fenomeno era così grave che sono state istituiti treni Ladies Special, nei quali è vietato l’ingresso agli uomini.

In molti però qui in Italia la ritengono una sconfitta. Sarebbe infatti l’ennesimo tentativo di porre l’attenzione sulla vittima e non sul colpevole, ignorando che spesso il colpevole agisce in quei contesti in cui sa di ottenere impunità. E quindi perché invece non investire su maggiori controlli? Perché non adeguare il personale in attività soprattutto sulle tratte notturne dei mezzi pubblici?

Consigliamo come approfondimento – Vende fidanzata ai trafficanti di sesso. Il padre della ragazza lo uccide 

Carrozze treni per sole donne: come proteggersi da possibili violenze sui mezzi pubblici

Donna molestata online metaversoSoprattutto negli ultimi giorni, è un fioccare sulla rete di consigli per tentare di evitare situazioni del genere. Non è semplicemente un modo per sviare il problema, ma in casi come questi i social tentano di rendersi utili attraverso la condivisione di soluzioni da chi ha avuto esperienze simili o vissuto gli stessi contesti (ricordate la ragazza salvata da un gesto imparato su Tik Tok?).

Ecco dunque qualche consiglio per le donne che può rivelarsi fondamentale. Si va da piccoli suggerimenti per mantenere l’attenzione a vere e proprie strategie di protezione.

  • Non mettere la musica nelle cuffie a volume troppo alto: potresti non sentire chi arriva accanto a te;
  • Se il tuo vagone è vuoto, spostati in un vagone in cui sono presenti altre donne;
  • Se il treno si svuota, chiedi al capotreno di poterti mettere nel vagone immediatamente successivo al suo;
  • Quando scendi, cerca di uscire dal treno accodandoti al gruppo più affollato di persone;
  • Se vedi una donna sola in un vagone, spostati nel suo vagone. Non c’è bisogno di contatto o di chiacchierare, è una protezione implicita;
  • Infine: esiste uno splendido progetto su Instagram, chiamato DonnexStrada. Con le loro “direttexstrada” forniscono compagnia continua a donne che devono attraversare percorsi non sicuri. Il servizio è attivo H24. Ecco qui tutte le caratteristiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + 15 =