Caso Emanuela Orlandi, riapre l’inchiesta. Il fratello Pietro 8 ore in Vaticano: “Fatti nomi e cognomi”

0
617
Caso Emanuela Orlandi

Riapre il caso Emanuela Orlandi. Il fratello Pietro, insieme all’avvocato Laura Sgrò, ha incontrato in Vaticano il promotore di giustizia Alessandro Diddi. “Abbiamo parlato di tante cose. Dalla famosa trattativa Capaldo, del trasferimento di Emanuela a Londra, di pedofilia, degli screenshot dei messaggi di cui siamo entrati in possesso”. Così ha riferito l’uomo. Ed ora sembra davvero arrivato il momento di fare chiarezza su quanto accaduto quel 22 giugno 1983.

Ti consigliamo come approfondimento – Clima, attivisti nel mirino di Fdl, pronto un ddl: dalle multe al carcere

Caso Emanuela Orlandi, Pietro: “Verbalizzati nomi e cognomi di chi sarà interrogato

Caso Emanuela OrlandiIl caso Emanuela Orlandi ritorna a risuonare su tutte le pagine di cronaca. A dare il via alla riapertura delle indagini è stato il fratello della giovane, Pietro Orlandi. L’uomo, insieme all’avvocato Laura Sgrò, ha incontrato in Vaticano il promotore di giustizia Alessandro Diddi. Quest’ultimo aveva già riaperto l’anno scorso l’inchiesta sulla scomparsa della ragazza, avvenuta il 22 giugno 1983. In quest’ultimo incontro in Vaticano, durato ben 8 ore, Pietro Orlandi ha avuto un colloquio proficuo con il promotore di giustizia.

Sono sereno. Ho potuto verbalizzare nomi e cognomi di tutte le indagini fatte privatamente. Abbiamo parlato di tante cose: della famosa trattativa Capaldo, del trasferimento di Emanuela a Londra, di pedofilia, degli screenshot dei messaggi di cui siamo entrati in possesso. Ho visto la volontà di fare chiarezza e non fare sconti. Mi hanno ascoltato e hanno accettato tutto quello che avevo da dire, sottolineando che auspicano la massima collaborazione con la Procura di Roma e le altre istituzioni italiane. Sono state verbalizzate tutte le mie dichiarazioni. Ho fatto i nomi delle persone che secondo me dovrebbero interrogare. Anche di alti prelati e altri personaggi eccellenti. Da tre anni chiedevo di essere ascoltato. Questo è un momento importante perché a qualcosa deve portare. Dopo le mie dichiarazioni ci devono essere delle risposte ”, ha dichiarato il fratello della giovane scomparsa.

Ti consigliamo come approfondimento – Polizia in protesta per le pensioni: discriminati dall’INPS e pronti a manifestare

Caso Emanuela Orlandi, Papa Francesco chiede di fare chiarezza e di non fare sconti a nessuno

Caso Emanuela OrlandiCaso Emanuela Orlandi – “Il fatto stesso che il promotore abbia ricevuto da papa Francesco e dal Segretario di Stato il compito di fare chiarezza e non fare sconti a nessuno è significativo. Se ci sono responsabilità, anche in alto, io non mi tiro indietro“. Queste sono state le parole di Pietro Orlandi all’uscita dal Vaticano. L’uomo si è detto essere contento del fatto che proprio l’attuale pontefice non abbia intenzioni di fare sconti a nessuno. “Ho ribadito il fatto che io sono convinto che Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco siano stati e siano a conoscenza di quello che è avvenuto. E forse c’è stato un cambiamento nella volontà e hanno deciso magari di fare chiarezza“, ha ribadito Pietro.

Mi hanno assicurato che non c’è nessuna coincidenza con i funerali di Ratzinger. Proprio perché loro, già da diversi mesi, hanno ascoltato delle persone. Stanno andando avanti, stanno lavorando su molte cose. Però, con quello che gli ho raccontato, non ho fatto sconti a nessuno. C’è necessità che non ci siano protezioni per nessuno“, ha concluso.