Catania: donna nuda lancia dal balcone vasi e mobili sulle auto!

0
285
Catania donna nuda,

Catania donna nuda lancia oggetti dal balcone. Accade in via Etna nella mattinata. La scena ha dell’incredibile. Una donna, con solo gli slip addosso, lancia dal terzo piano vasi, mobili e qualsiasi oggetto le capitava a tiro. L’evento oltre al disagio del traffico ha causato anche il danneggiamento grave di alcune vetture sottostanti. Sul posto sono intervenute polizia e vigili, calmandola non con poche difficoltà. Le cause scatenanti questo gesto sono ancora ignote.

Ti consigliamo come approfondimento – Wanda Nara nuda a cavallo: è polemica tra la Littizzetto e la Lucarelli

Catania donna nuda: il racconto dei fatti

Catania donna nuda,Una mattina come le altre in via Etna a Catania, almeno apparentemente. Di fatto, da un momento all’altro, dal terzo piano della strada, si affaccia una donna. Ha solo gli slip addosso e nelle mani un vaso. Lo lancia per terra, poi ne seguono altri. Accompagnati da mobili e arredi vari, insomma qualsiasi cosa si trovasse tra le mani. La donna urla parole incomprensibili. Alcuni si fermano a filmarla. Altri in auto invece vengono bloccati nel traffico che non scorre più. Gli sfortunati invece, che si trovano lì sotto o che ci hanno parcheggiato, vedono le loro auto danneggiate. Serve l’intervento delle forze dell’ordine per placarla.

Ti consigliamo come approfondimento – Comune di Ercolano, dirette hot dall’ufficio. Sindaco: “Non sarà impunita”

Catania donna nuda: l’arrivo delle volanti

Napoli incidente camion, campania esplosione commissariato,Tragedia funivia Stresa, Concorso Polizia Municipale Bacoli, Veggente tedesco Madeleine McCann, Napoli bambino caduto, Verona mamma uccide figlie, Catania donna nuda,Un caso non comune, questo lo si può dire. Una donna seminuda che lancia oggetti dal terzo piano. Un atto pericoloso tanto per le vetture sottostanti quanto per i passanti. La strada si riempie di vasi e mobili rotti. Gli oggetti continuano a volare. Sul posto giunge sia la polizia di stato che la polizia municipale. Gli agenti provano a dialogare prima, per poi intervenire definitivamente. La donna infatti non voleva calmarsi. Non poche le difficoltà per riportarla ad una calma apparente. Per quanto riguarda le cause scatenanti il tutto sono ancora ignote agli inquirenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 − due =