Chernobyl: un fungo isolato nel reattore nucleare ci farà vivere su Marte?

0
70
Chernobyl

A Chernobyl è stato scoperto un fungo capace di assorbire le radiazioni. Si tratta del Cladosporium sphaerospermum, isolato in uno dei reattori nel 1991. Le sue particolarità gli permettono di convertire i raggi cosmici in energia per la propria crescita. Le parti danneggiate, inoltre, sono in grado di auto-ripararsi. Una rivoluzione del genere aiuterebbe l’uomo a proteggersi, sia sulla Terra, sia nelle missioni spaziali, specialmente sul pianeta Marte.

Ti consigliamo come approfondimento – Inquinamento: la vera piaga del ventunesimo secolo

Cos’è il Cladosporium sphaerospermum, il fungo isolato a Chernobyl

ChernobylNel 1991, durante un sopralluogo al quarto reattore della centrale nucleare di Chernobyl, alcuni ispettori hanno notato un particolare deposito nero sulle pareti. Successive analisi hanno rilevato una forma di essere vivente in grado di sopravvivere alle radiazioni ionizzanti. Il nome di questo fungo è Cladosporium sphaerospermum.

La sua colorazione nera è il risultato di una produzione eccessiva di melanina, che il fungo produce per proteggersi dalle radiazioni, ma non solo. Nel 2007 un gruppo di ricercatori della Yeshiva University of New York ha condotto uno studio importante al riguardo. Il risultato è stato sorprendente: questo fungo, infatti, assorbe le radiazioni per trasformarle in fonte energetica. Abbiamo quindi a che fare con un “fungo radiotrofico”, ossia che si nutre di radiazioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Inquinamento atmosferico: dalle cause alle soluzioni

Il disastro di Chernobyl

ChernobylIl disastro di Chernobyl è avvenuto il 26 aprile del 1986, presso la centrale nucleare “V.I. Lenin” nell’Ucraina settentrionale. È stato classificato come il più grave incidente mai avvenuto in una centrale nucleare. Secondo le indagini, il disastro è stato causato da errori di valutazione durante un test di sicurezza.

Con la rottura delle tubazioni del sistema di raffreddamento, l’idrogeno e la grafite incandescente hanno provocato una fortissima esplosione. Una nuvola di materiale radioattivo ha cominciato a fuoriuscire e a riversarsi nelle aree circostanti, uccidendo vite umane, animali e vegetali. Nei giorni a seguire, è stato impossibile bloccare la nube radioattiva nonostante l’intervento di vigili e dirigenti sovietici. Per questo, le radiazioni hanno raggiunto anche il resto dell’Europa, fino ad arrivare sulla costa orientale degli Stati Uniti.

I morti accertati sono stati 65; i casi di tumore alla tiroide causati dalle radiazioni, tra 0 e 18 anni di età, sono stati più di 4000 subito dopo il disastro.

Ti consigliamo come approfondimento – ONU: inizia il countdown, 11 anni per salvare il nostro pianeta

Il fungo ritrovato a Chernobyl ci porterà su Marte?

ChernobylUn team scienziati dell’Università di Stanford ha pubblicato sulla rivista New Scientist uno studio condotto sulla Stazione Spaziale Internazionale. Ne è risultato che 21 centimetri di Sphaerospermum possono assorbire l’intera dose annua delle radiazioni che circolano su Marte. Ciò significa che questa tipologia di fungo, con le dovute modifiche, potrà proteggere l’uomo nelle future basi sulla Luna e su Marte.

Il fungo potrebbe anche essere usato all’interno dei tessuti delle tute spaziali, in modo tale da difendere gli astronauti dai raggi cosmici. Utilizzandone pochi grammi, si arriverebbe a costruire veri e propri scudi, capaci di auto-ripararsi laddove danneggiati.

Un ipotetico uso è stato pensato anche in campo medico per ridurre l’impatto di radiazioni per i pazienti sottoposti a radioterapia.

Siamo davanti a una scoperta davvero importante, una rivoluzione che dal disastro di Chernobyl potrebbe portarci a una migliore consapevolezza sul potere della natura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here