Rosa d’aprile e rossa di maggio: la ciliegia

celebrata dai poeti e dai cantanti...

0
181
ciliegia
«Era quello di maggio e giugno il periodo più bello e tale è rimasto per sempre, se ci aggiungiamo anche aprile, il mese dei ciliegi in fiore. Sulla cima di quegli alti ed enormi alberi, circondato da una marea di rosse ciliegie, di cui le più belle e mature stavano lì per dirmi: “Mangiami!”, avvolto dalle verdi, lucide foglioline che a grappoli pendevano dai ramoscelli e mi solleticavano la pelle, mi sembrava di dominare l’intero universo che mi stava intorno e sotto i piedi…» così scrive Giovanni Baiano nel suo saggio “La Ciliegia a Napoli e in Campania” edito nel 2006. Al di là delle migliaia di versi che decantano i numerosissimi prodotti della Campania Felix, in questa rubrica verranno fornite ricette, curiosità e informazioni utili per una gustosa alimentazione, con qualche accenno e ritorno al passato. La ciliegia: Da Varrone a Plinio il Vecchio storia della cerasa Ciliegie… Una tira l’altra La ciliegia o cerasa, in dialetto napoletano, è il frutto del ciliegio, albero originario dell’Asia minore che si diffuse in Egitto sin dal VII secolo a.C. e successivamente, in Grecia nel III secolo a.C.. Le prime testimonianze della sua presenza in Italia risalgono al II secolo a.C. quando Varrone


Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente iscritto, effettua il login. In caso contrario, registrati al modulo di seguito riportato.

Accedi
   
Registrati qui
*Campo obbligatorio