Cina, scoperto nuovo virus: è potenzialmente pandemico

0
308
covid-19 coronavirus

Mentre il mondo continua a fare i conti con l’emergenza Coronavirus e in Italia spuntano nuovi focolai, dalla Cina arrivano altre cattive notizie. Un team di esperti cinesi e britannici ha identificato un nuovo ceppo influenzale. Il virus, potenzialmente pandemico, sarebbe veicolato dai maiali e potrebbe infettare l’uomo.

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus, nuovi focolai in tutta Italia: 7 regioni in allerta

Un’altra minaccia dalla Cina

tso cinaUn nuovo virusG4 EA H1N1 – proveniente dalla Cina fa preoccupare medici e ricercatori. Può crescere e moltiplicarsi nelle cellule che rivestono le vie aeree umane. I ricercatori lo hanno individuato analizzando campioni di persone infette impiegate nei macelli e nell’industria suina cinese.

Il timore principale è che possa mutare ancora e diffondersi da persona a persona. Questo determinerebbe una nuova pandemia, con le conseguenze che – nostro malgrado – conosciamo. A spiegarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Proceeding of the National Academy of Sciences dagli esperti dell’Università di Nottingham.

Ti consigliamo come approfondimento – Tso per chi rifiuta le cure? La polemica dopo lo scoppio di nuovi focolai Covid

Una nuova influenza suina?

Inquinamento coronavirusSecondo gli esperti non si tratta di un pericolo immediato. Tuttavia, è fondamentale tenere sotto controllo la situazione e monitorarne gli sviluppi. Il virus infatti avrebbe tutte le caratteristiche per adattarsi e infettare l’uomo.

Il nuovo ceppo influenzale è simile all’influenza suina del 2009. Gli scienziati, attualmente impegnati nella battaglia contro il Covid-19, ritengono necessario non sottovalutare gli altri virus. L’esperienza del Coronavirus ci ha insegnato quanto questi nuovi patogeni influenzali possano essere pericolosi per l’uomo.

Giovanni Maga, virologo e direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, ha commentato lo studio spiegando che i virus influenzali sono centinaia. Gli uccelli migratori acquatici sono il loro principale “serbatoio naturale”. Hanno però bisogno di incubatori – cioè specie intermedie – per effettuare un rimescolamento genetico per trasmettersi all’uomo. Alcune pandemie, come quella del 2009, sono state veicolate proprio dai suini che possiedono virus aviari e umani, oltre a quelli propri della specie. Per questo i ricercatori inglesi sono particolarmente attenti alla possibilità di rimescolamenti del nuovo potenziale pericolo, di cui non si riesce a prevedere lo sviluppo.

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus, esclusa la seconda ondata: la tesi del premio Nobel Beutler

L’allerta dei ricercatori

mondragone coronavirusI ricercatori sono coscienti dell’importanza di implementare i controlli e le misure di sicurezza nel settore dell’industria suina in Cina. Sorvegliare i lavoratori che ogni giorno sono a stretto contatto con i maiali è fondamentale per tutelare la salute di tutti.

Come ha spiegato James Wood, capo del dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Cambridge, “gli animali da allevamento, con i quali gli esseri umani sono più a contatto rispetto agli animali selvatici, sono un’importante fonte di virus pandemici“.

La Cina si è detta pronta e collaborativa per arginare il pericolo. Infatti, durante una conferenza stampa, un portavoce del Ministero degli Esteri ha dichiarato che il Paese presterà molta attenzione allo sviluppo della situazione e prenderà tutte le misure necessarie a contenere la diffusione del nuovo virus.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here