Covid, Cina respinge nuova inchiesta dell’Oms sulle origini del Coronavirus

0
162
Cina respinto richiesta Oms

Cina respinto richiesta Oms: non ci sarà nessuna nuova inchiesta sull’origine del Coronavirus. Parola del governo cinese. Pare che Pechino non voglia che la pandemia venga trasformata in qualcosa di politico e, pertanto, ha respinto la nuova richiesta fatta dall’Organizzazione mondiale della Sanità.
C’è da dire che la richiesta dell’Oms è stata rivolta non solo alla Cina ma a tutti i paesi del mondo. In modo tale da “collaborare” e “condividere tutti i dati sul virus”.

Ti consigliamo come approfondimento – Cina, condannato a morte cittadino canadese: è crisi tra i due Paesi

Cina respinto richiesta Oms: non ci sarà nessuna nuova inchiesta

Cina respinto richiesta OmsUna richiesta, quindi, quella dell’Oms per venire in contro alle esigenze degli scienziati che non hanno abbastanza dati per poter determinare dove il virus sia nato. Come già detto, l’appello però non è stato colto dal governo cinese. Il viceministro degli Esteri cinese Ma Zhaoxu ha così spiegato la decisione:

Sosteniamo la ricerca scientifica. Tuttavia, siamo contrari alla politicizzazione della ricerca delle origini del coronavirus e alla rinuncia del rapporto congiunto Cina-Oms”. Il rapporto a cui fa riferimento il viceministro Zhaoxu era quello in cui si sottolineava che l’ipotesi secondo cui il Covid-19 fosse uscito da un laboratorio fosse estremamente improbabile. La precedente relazione dell’Oms dava come probabile l’originale naturale del virus e che abbia fatto, successivamente, il salto di specie.

Ti consigliamo come approfondimento – La Cina censura il Covid: condannata la blogger che raccontò la pandemia

Zhaoxu: “Rapporto riconosciuto dall’intera comunità internazionale”

Variante Covid Napoli, Cina respinto richiesta OmsIl governo cinese, quindi, non ha alcuna intenzione di scostarsi dal precedente rapporto. Anzi, ha sottolineato invece il fatto che suddetto rapporto, al tempo, sia stato ritenuto valido dall’intera comunità internazionale. Nonché dalla comunità scientifica.
Il ministro degli Esteri ha infatti specificato:
Le conclusioni e le raccomandazioni del rapporto congiunto sono state riconosciute dalla comunità internazionale e dalla comunità scientifica. La ricerca futura dovrebbe e può essere perseguita solo sulla base di questo rapporto. Non si deve ricominciare tutto da capo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

otto − cinque =