Racconto agghiacciante dell’unica sopravvissuta alla strage di Cisterna di Latina

0
342
canale revenge porn assistenza violenza sessuale

Cisterna Latina parla sopravvissuta. Desyrée Amato, unica sopravvissuta della strage, fa un racconto agghiacciante agli inquirenti. Il suo ex fidanzato le ha ucciso la madre e la sorella nel tentativo di toglierle la vita.

Ti consigliamo come approfondimento- Maresciallo della Guardia di Finanza uccide madre e sorella della ex: “L’hanno protetta con i loro corpi”

Cisterna Latina parla sopravvissuta: Desiréè racconta agli inquirenti quei drammatici momenti

Violenza branco Catania, Cisterna Latina parla sopravvissuta,Cisterna Latina parla sopravvissuta. Desirée Amato, 22 anni, è l’unica sopravvissuta al massacro nel quale il suo ex fidanzato, il finanziere Christian Sodano, ha tolto la vita a sua madre e alla sorella. La donna ha raccontato quei drammatici momenti agli inquirenti. “L’ho visto arrivare verso la porta di casa con la pistola” dice la ragazza. Christian avrebbe sparato prima alla sorella e poi a sua madre racconta tra le lacrime Desirée. La giovane aveva fatto appena in tempo a nascondersi in bagno ma il ragazzo è sopraggiunto sfondando la porta per poi fermarsi dandole la possibilità di scappare una seconda volta. Quando la ragazza si è resa conto che era andato via è corsa fino al benzinaio dove ha potuto chiamare i soccorsi e la Polizia.

Ti consigliamo come approfondimento- Femminicidio, morta donna accoltellata 30 volte dal compagno. L’uomo è in ospedale per le sue condizioni psichiatriche

Com’è nata quest’ennessima violenza e questo efferato duplice femminicidio?

bari schiave romene Napoli tentativo violenza fuori scuola, Cisterna Latina parla sopravvissutaStando ai racconti di Desirée i due si conoscevano da circa nove mesi e da cinque si erano messi assieme. Nell’ultimo periodo però le cose non sarebbero andate bene. Questo aveva portato la ragazza a voler lasciare Christian. L’uomo però non avrebbe mai accettato la decisione e avrebbe iniziato a minacciarla sin da subito. “Faccio male a te e ai tuoi parenti” le diceva Christian. Per via di questi messaggi la ragazza aveva ottenuto che lui non potesse più portare l’arma d’ordinanza. A quel punto Christian inizia a delineare il passaggio dalle minacce ai fatti che ormai sono tristemente noti.