Codice della strada – I 5 stelle propongono stop a fumo e cellulari alla guida

Vietato alla guida telefonare e perfino fumare. Questi sono due dei capisaldi della modifica del Codice della Strada presentata dal M5S

0
83
Codice della strada

Niente più fumo alla guida. Inoltre non sarà più consentito, in modo categorico, parlare al cellulare. Questa è la proposta di legge di modifica del Codice della Strada depositata dal Movimento 5 Stelle alla Camera dei deputati, a prima firma di Emanuele Scagliusi, capogruppo della Commissione Trasporti M5S alla Camera dei deputati.
Leggi anche: RC auto – Di Maio annuncia il taglio alle tariffe

I provvedimenti previsti? Inasprimento delle sanzioni, fino ad arrivare alla sospensione della patente. Sanzioni più severe anche per chi guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, e in generale, di tutte le sostanze in grado di influire sulle funzioni psichiche dell’individuo. 

guidaDivieto di fumo e sull’uso del cellulare alla guida: le motivazioni

Ma quali sono le motivazioni della nuova proposta di legge? Lo spiega lo stesso Emanuele Scagliusi: “Ogni anno nel nostro Paese gli incidenti stradali causano oltre tremila vittime e ci costano 19,3 miliardi. I dati relativi ai primi mesi del 2018 non sono migliori dell’anno precedente, anzi, si registra un incremento dei morti sulle strade. Il maggior numero di questi incidenti avviene quando siamo distratti. Ecco perché abbiamo deciso di inasprire le sanzioni per chi usa lo smartphone o altri dispositivi mobili alla guida, fino ad arrivare alla sospensione della patente. Lo facciamo attraverso una serie di modifiche al Codice della strada. Per questo abbiamo fatto una nuova proposta di legge presentata alla Camera e presto all’esame della commissione Trasporti”.

Leggi anche: Concorsi Pubblica Amministrazione, previste 450 mila assunzioni

Secondo i dati ISTAT, in Italia, nel 2017 sono stati 17.933 gli incidenti stradali che hanno riportato feriti. In calo rispetto al 2016 (dove i feriti sono stati 246.750, e 3378 individui che hanno perso la vita).
Il numero di morti però è tornato a crescere nell’ultimo periodo. Infatti si registra un aumento del 2.9% di vittime rispetto all’anno 2016.

Le novità della proposta di legge del Codice della Stradaguida

La proposta di legge, oltre all’aumento delle sanzioni e al ritiro della patente, introduce due nuovissimi elementi. La norma prevede infatti, che i Comuni utilizzino, al 50%, gli introiti derivanti dalle multe in materia di sicurezza. Inoltre, per garantire la trasparenza della Pubblica Amministrazione, è imposta ai Comuni la trascrizione di tutte le manovre effettuate (grazie agli stessi introiti). Questa operazione sarà eseguita tramite una sezione apposita del sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Altra novità è l’introduzione dei “parcheggi rosa”. Parcheggi pensati apposta per donne in gravidanza e con figli di età non superiore a un anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here