Litiga per la colazione e accoltella i coinquilini: facevano troppo rumore

0
263
colazione accoltellato,

olazione accoltellato, una vicenda tanto bizzarra quanto tragica. Un uomo di 35 anni è infatti accusato di tentato omicidio dei suoi coinquilini. La causa scatenante il tutto sarebbe un litigio per una colazione. Il tutto avviene nel bolognese. Una macchina da caffè troppo rumorosa in un ambiente domestico troppo piccolo. Questo sarebbe bastato per far partire di testa un 35enne pakistano. Quest’ultimo ha accoltellato i due coinquilini. Provvidenziale l’intervento dei carabinieri e dei soccorsi.

Ti consigliamo come approfondimento – Caro carburante, lo sciopero dei camionisti: accoltellato un manifestante!

Colazione accoltellato: la macchinetta del caffè

colazione accoltellamento,Spesso quando ci si sveglia al mattino l’umore della giornata è incline a grandi sbalzi. Un piccolo rumore fastidioso può trasformare la giornata da positiva a negativa. In altri casi, come in quello avvenuto a Bologna, in via del Tuscolano, può trasformarlo in tragedia. Spazi piccoli, coinquilini, una macchinetta del caffè troppo rumorosa e qualche schiamazzo. Tanto è bastato per far perdere la testa a un pakistano di 35 anni. Quest’ultimo, disturbato dai troppi rumori, ha infatti accoltellato i suoi coinquilini. Uno dei due ha allertato i carabinieri, provvidenziale il loro intervento.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, violenza brutale: 13enne accoltellato al volto e alla schiena. È caccia all’aggressore!

Colazione accoltellato: l’arrivo dei carabinieri

allievi carabinieri campana, pomigliano d'arco operaio morto, colazione accoltellamento,Il pakistano di 35 anni si è scagliato prima su un coinquilino e poi sull’altro con un coltello. Uno dei due è riuscito a fuggire e ad allertare i carabinieri. Quest’ultimi sono subito intervenuti sul posto. “E’ ancora in casa, è pericoloso, fermatelo o ammazza qualcuno” urla agli agenti. Questi, con giubbotti anti proiettile e armi in pugno, irrompono nell’abitazione. Trovano l’uomo che ancora impugna l’arma del delitto, un coltello da cucina. Cerca di fuggire, per farlo aggredisce i carabinieri, ma viene subito immobilizzato. Viene dunque arrestato per tentato omicidio, lesioni personali gravissime e resistenza a pubblico ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + 3 =