Cometa 2020: la Neowise illumina il cielo dell’estate

0
691
Cometa 2020

Il cielo d’estate continua a creare spettacoli entusiasmanti. Protagonista della volta celeste è la Cometa 2020, la Neowise. Secondo quanto riportato sul sito ufficiale della Nasa, essa proviene dalle regioni più remote del nostro Sistema solare. Il passaggio ravvicinato al Sole ne scioglie il ghiaccio generando la caratteristica scia. Scoperta a marzo, la Cometa è diventata visibile a occhio nudo a metà giugno. Ma sarà possibile osservarla fino agli inizi di agosto.

Ti consigliamo questo approfondimento – Luna piena luglio 2020: un inizio davvero spettacolare

Cometa 2020: quando osservarla

Cometa 2020Gli studiosi affermano che la Cometa C/2020 F3 NEOWISE è un corpo lungo circa 5 chilometri. La sua formazione risale a un periodo compreso tra 4 e 5 miliardi di anni fa.
Secondo l’Istituto nazionale di astrofisica (INAF), fino al 10 luglio la cometa è stata osservabile all’alba, bassa sull’orizzonte di nord-est verso le 4 del mattino.
A partire da ieri, 11 luglio, la cometa è visibile di sera, bassa sull’orizzonte di nord-ovest, fra le 21 e le 24.
Fra il 14 e il 15 luglio, però, diventerà circumpolare per il nord Italia. Ciò significa che potrà essere seguita per tutta la notte. La Neowise infatti:

  • dalle ore 21 sarà visibile a circa 17 gradi di altezza sull’orizzonte di nord-ovest;
  • all’una circa, passerà alla culminazione inferiore a nord;
  • verso l’alba tornerà a salire sull’orizzonte fino a raggiungere i 12 gradi di altezza.

Il periodo di visibilità circumpolare durerà fino al 23 luglio. Dopo questa data, la visibilità serale prevarrà definitivamente su quella mattutina. Questo cambiamento è causato dall’allontanamento della cometa dal Sole e dal moto orbitale della Terra.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus vacanze in arrivo dal 1° luglio, come funziona e chi può richiederlo

Cometa 2020: visibile a occhio nudo

Cometa 2020La cometa sarà visibile a occhio nudo. Considerando, però, che l’altezza della cometa sull’orizzonte non sarà mai elevata, gli esperti dell’INAF consigliano di osservarla con l’ausilio di un piccolo binocolo (meglio ancora con un telescopio), da luoghi senza luci artificiali. Bisogna tener presente che si tratta di un fenormeno davvero raro. L’ultimo evento astronomico con passaggio di cometa visibile a occhio nudo risale al 1997, con la spettacolare cometa Hale Bopp.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − 13 =