XXV Concerto dell’Epifania a Napoli: l’inno di pace nella musica

0
669
concerto

Arriva la 25° edizione del tradizionale Concerto dell’Epifania, che si terrà al Teatro Mediterraneo di Napoli sabato 4 gennaio alle ore 20:30. L’evento, come ogni anno, verrà trasmesso su Rai Uno lunedì 6 gennaio alle 9:30. L’iniziativa è ideata e promossa dall’Associazione “Oltre il Chiostro onlus” e prodotta dalla Melos International di Dante Mariti. Il tutto in collaborazione con l’Associazione “Musica dal Mondo“, che curerà tutta l’organizzazione dell’evento.

Ti consigliamo come approfondimento – Epifania: la Befana a Napoli tra fede religiosa e tradizione popolare

Concerto dell’Epifania: la conferenza di presentazione

concerto
Conferenza Stampa di presentazione del Concerto dell’Epifania

Venerdì 3 gennaio all’interno del suggestivo Complesso Monumentale di S. Maria la Nova, nel pieno centro storico di Napoli, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione, presieduta dai maggiori esponenti dell’appuntamento musicale: Giuseppe Reale, Presidente dell’Associazione “Oltre Il Chiostro onlus” e autore dello spettacolo; Francesco Sorrentino, direttore artistico; Eleonora de Majo, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli; Adriano Pennino, musicista e compositore, direttore dell’Orchestra Partenopea di S. Chiara; Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale della Campania, membro della Commissione Cultura; Ingrid Muccitelli, giornalista e presentatrice del concerto.

È l’autore Giuseppe Reale ad aprire la conferenza, sottolineando il significato che il Concerto dell’Epifania porta con sé, e che vuole trasmettere a tutti gli spettatori: “Lavorare sull’integrazione interculturale e interreligiosa per l’educazione delle differenze. Vorremmo raccontare la possibilità stessa del cambiamento, visto non come vuoto populismo, ma come assunzione di responsabilità. Prosegue l’Assessore de Majo, ponendo l’accento sul nostro territorio: “Il Concerto è costruito attorno a una questione particolarmente significativa, che è quella della pace e della nostra città come luogo di cooperazione e di ponte tra i popoli”.

Ti consigliamo come approfondimento – 2020 anno delle stelle: gli eventi più belli. Come e quando ammirarli

Gli ospiti del Concerto

Giovanni Allevi
Il Maestro Giovanni Allevi

Tra gli artisti che interverranno sul palco spicca il nome di Giovanni Allevi, compositore e pianista di fama internazionale. Il Maestro eseguirà ben tre brani che dedicherà alla città di Napoli, un luogo di passaggio fondamentale nella sua carriera. “È ancora una memoria molto viva – ricorda Giuseppe Reale – quando da giovanissimo concertista e musicista della nostra città si esibì sul palco dinanzi a 4-5 spettatori, per poi ritornarvi, in collaborazione col Teatro San Carlo, con un concerto di pianoforte da oltre 12mila persone.”

Oltre al maestro Allevi, saranno tanti gli ospiti di questa 25° edizione del Concerto dell’Epifania. È il direttore artistico, Francesco Sorrentino, a svelarne qualcuno: “Vedremo Lina Sastri, Bungaro, gli Avion Travel, La Zero, Livio Cori, Nesli e tanti altri”. Livio Cori e La Zero – concorrente di Sanremo Giovani 2018 – si esibiranno insieme in un inedito. Lina Sastri invece, attrice e cantante napoletana, ricorderà Pino Daniele interpretando il suo brano “Napul’è”. Tra gli ospiti anche l’attore Francesco di Leva, che reciterà il monologo “Sei mio Fratello”, tratto dallo spettacolo Muhammad Ali.

Ti consigliamo come approfondimento – 2019 in pillole: dieci eventi importanti per raccontare l’anno

Oltre le differenze

concertoIl tema portante di questa 25° edizione del Concerto dell’Epifania è quello di andare oltre le barriere sociali, culturali e politiche, per dare voce e spazio a quella che è la forza della comunità. È un messaggio di pace che vuole scostarsi dalle differenze e, ancor di più, dalle indifferenze. Ma per far sì che diventi concreta e reale, la pace deve riempire la quotidianità, colorando anche i più piccoli gesti, perché il cambiamento, come specificato dal Consigliere Francesco Emilio Borrelli, può essere attuato solo “Partendo da noi stessi, che è la cosa spesso più difficile”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette + 20 =