Conte dice ‘No’ al governo Draghi. Non sarà un suo ministro

0
846
Conte governo Draghi

Conte governo Draghi – La formazione del nuovo governo targato Mario Draghi non vedrà la partecipazione del premier Giuseppe Conte. È stato stesso lui a rassicurare diversi esponenti grillini, preoccupati per le scelte che avrebbe potuto fare l’uscente Presidente del Consiglio.

Ti consigliamo questo approfondimento – Mario Draghi Premier? Domani a consultazione dal presidente Mattarella

Conte governo Draghi, arriva il ‘No’ del Premier uscente

Conte governo DraghiGli esponenti del Movimento 5 stelle guardavano con apprensione Giuseppe Conte. In queste ore, Pier Ferdinando Casini, aveva lanciato la sua previsione sull’Huff Post secondo la quale Conte avrebbe sostenuto il governo Draghi e sarebbe stato un suo ministro. Il decano della politica italiana si sarebbe spinto oltre, arrivando ad ipotizzare che avrebbe ricoperto la carica del Ministro degli Esteri.

Tuttavia, pare che la previsione fatta da Casini sia destinata a restare tale. Il Premier, secondo autorevoli fonti M5s, avrebbe rassicurato gli esponenti grillini, assicurando di non voler accettare alcun ministero. Sempre nell’ipotesi in cui gliene fosse offerto uno dal Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi.  

Ti consigliamo questo approfondimento – Bufera su Toninelli: “No a Draghi. Abbiamo fatto di tutto.Persino lavorato…”

Grillo e Crimi tentano di tener unito il M5s

renzi fuori governo Conte governo Draghi
Dal profilo Facebook di Vito Crimi

Il Movimento 5 stelle sta vivendo uno dei suoi periodi più difficili. Beppe Grillo e Vito Crimi consci di questa hanno deciso di compattare il Movimento intorno alla figura di Conte. Il garante del Movimento, infatti, avrebbe ribadito la lealtà nei confronti di Giuseppe Conte e il ‘No’ a un governo tecnico guidato da Mario Draghi.

Sulla stessa frequenza Vito Crimi: “Oggi ci ritroviamo con un governo tecnico. Mettete da parti Draghi, al di là della persona, pensante a un governo tecnico, freddo e calcolatore. Per qualunque misura a livello parlamentare si deve sempre o comunque passare da noi. Questo è un patrimonio che non dobbiamo disperdere. Noi siamo determinanti anche nel caso in cui dovesse nascere questo governo. Se non possiamo far nascere un governo tecnico noi possiamo però essere determinanti nelle scelte, su qualunque cosa. Al di là di quello che faremo, se dovesse nascere questo governo, noi saremo determinanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − 15 =