Coppia italiana bloccata in India dopo adozione: “È l’apocalisse. Aiutateci”

0
158
coppia italiana india

Coppia italiana India – è dove attualmente sono bloccati senza modo di poter ritornare. La coppia fiorentina era lì per terminare il processo di adozione. Ora con la loro figlia di 2 anni si trova impossibilitata a tornare a causa del peggioramento della situazione. La donna ha scoperto di essere positiva e per questo chiedono un nuovo volo di rimpatrio. 

Ti consigliamo come approfondimento – Concerto primo maggio 2021: torna la musica dal vivo

Coppia italiana India: la richiesta di aiuto 

spostamento regioni, passeggero volo positivo, cts lockdown, decreto draghi, coppia italiani india I coniugi sono giunti a Nuova Delhi 15 giorni fa per terminare le pratiche di adozione di quella che ora è legalmente la loro bambina. Ed è qui che inizia l’incubo. La coppia documenta terrorizzata la condizione a cui loro, come altri italiani rimasti bloccati in India, stanno assistendo. “Alle finestre dell’hotel. Vediamo che bruciano i cadaveri dei morti di Covid in strada. È impressionante e siamo preoccupati. Siamo stati tutti separati. Con noi ci sono coppie di varie zone d’Italia. Hanno anche bambini bisognosi di cure in Italia. Abbiamo il permit exit dello Stato indiano per uscire ma non ci fanno partire.” Nonostante l’ordinanza firmata da Speranza, che vieta l’entrata in Italia dai pesci indiani, il rimpatrio per gli italiani è infatti consentito. Tuttavia la donna fiorentina è risultata positiva. Ora, separata dalla famiglia, è stata isolata in un ospedale. 

Ti consigliamo come approfondimento – Variante indiana: 1 mln di morti in 3 giorni. Speranza vieta arrivi dall’India

Coppia italiana India: il racconto della donna

covid, coppia italiani india La donna, separandosi dal marito e dalla figlia, è stata prima trasportata in un ospedale. Dopo alcuni giorni è stata spostata in una stanza d’albergo covid. Da sola racconta tramite alcuni video la situazione a cui è costretta ad assistere. “Nel primo ospedale ero in una stanza di due metri con altre sette persone. Alcune sono morte davanti ai miei occhi. C’erano persone sulle barelle, altre ventilate per terra in fin di vita, in condizioni igieniche inimmaginabili.” Da cui il grido di aiuto per rintronare in patria. “Qui è l’apocalisse. Si vivono quotidianamente scene da film dell’orrore. Vi prego, aiutateci a tornare in Italia.” L’ambasciata italiana starebbe organizzando un volo di rimpatrio, ma al momento è bloccata dalle autorità indiane, che non intendono far imbarcare persone straniere positive. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 4 =