Coronavirus: tutta la realtà. Parola al virologo Fabrizio Pregliasco

0
150
coronavirus

Il nuovo coronavirus – ribattezzato SARS-CoV-2 – invade improvvisamente l’Italia e la catapulta al terzo posto in tutto il mondo per numero di contagi. La Lombardia e il Veneto sono i territori più a rischio e hanno già dovuto assistere ai primi decessi. Sono stati riscontrati casi anche in Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Piemonte e Lazio. Numerose le misure contenitive al nord – stop a manifestazioni pubbliche, eventi, musei, università, scuole, messe e in generale tutto ciò che riguarda riunioni pubbliche e private – e alta l’allerta, che sfiora la psicosi in tutto il Paese. Per chiarire la situazione e placare eccessivi allarmismi abbiamo chiesto il parere di un esperto: il virologo e ricercatore dell’Università Statale di Milano, Fabrizio Pregliasco.

Ti consigliamo come approfondimento – Virus cinese: l’Italia è a rischio? Tutti i consigli utili per proteggersi al meglio

Parola all’esperto: intervista a Fabrizio Pregliasco

coronavirus
Fabrizio Pregliasco, foto dal profilo Facebook.

Dott. Fabrizio Pregliasco, ci spiega nel dettaglio le modalità di contagio del Coronavirus?

“Le modalità di contagio sono simili a quelle dell’influenza. In particolare però la via di trasmissione è un po’ meno efficace rispetto ai virus influenzali. Sostanzialmente avviene attraverso le goccioline respiratorie di dimensioni maggiori, che hanno una diffusione ambientale limitata. È stata documentata anche una trasmissione in via fecale, ma assolutamente irrisoria. Il dato più significativo però, come stiamo riscontrando anche in Italia, è che spesso anche soggetti asintomatici possono trasmettere la malattia. Ciò rende sicuramente più difficile il controllo.”

Facendo un confronto tra il coronavirus e l’influenza stagionale, quale delle due forme può essere considerata più “pericolosa”?
Foto di Tony Martella

“Sono simili, e temo che nel futuro il coronavirus sarà uno dei tanti virus di infezioni respiratorie acute stagionali. Già c’erano altri coronavirus in circolazione, oltre al virus influenzale che è il protagonista principale delle infezioni durante l’inverno. I coronavirus usuali davano forme più banali, manifestandosi con naso chiuso e muchi. Il nuovo coronavirus invece dà una manifestazione simile all’influenza e purtroppo causa polmoniti virali con una maggiore frequenza. Però il problema che si pone oggi non è tanto la gravità della malattia. Infatti bisogna ribadirlo: nella stragrande maggioranza dei casi la sintomatologia è modesta, e solo in qualche caso avviene il decesso. In Cina il tasso di mortalità si aggira intorno al 2,9%, ma fuori dalla Cina siamo sullo 0,4 – 0,5%. Quello che impressiona oggi è la potenzialità del virus, cioè il fatto che rispetto a una normale influenza (con una quota di persone che di anno in anno sono protette, dalla vaccinazione o dalle influenze subite dagli anni precedenti) non c’è indennità.”

Quindi bisogna preoccuparsi ma in modo proporzionato?

“Insomma, la questione è che in una prima fase questo virus potenzialmente può colpire tutti. Quindi unitamente alla trasmissione facile e alla sua particolarità di non avere grandi sintomi – e dunque una maggiore infettività – può determinare effetti importanti. Lo scenario negativo a cui fanno riferimento le istituzioni è l’influenza spagnola del 1918, che aveva caratteristiche simili. Ebbe un effetto devastante sulla vita, sull’operatività, sui servizi essenziali. Questo è lo scenario negativo che io però credo oggi siamo in grado di affrontare. Bisogna lavorare e l’Italia sta lavorando in questo senso.”

Ti consigliamo come approfondimento – Metastasi polmonari: nuove prospettive di cura grazie al laser
Allarmismo giustificato o psicosi e panico da mass media?
Foto di Tony Martella

“In questo sistema democratico si parla tanto e molto di più che nella Cina. È chiaro che non è difficile distinguere la preoccupazione istituzionale – che sicuramente deve essere punto di attenzione – da quella che deve essere una vita sì preoccupata, ma non di angoscia dei cittadini. Quindi i due livelli di preoccupazione dovrebbero restare su due piani diversi. Parlando molto si insiste su tante questioni e quindi, spesso, si può sfociare nella paura.”

Ti consigliamo come approfondimento – Cervello, trovato l’elisir di lunga vita: la risposta è nelle cellule immunitarie

La situazione in Campania

coronavirus
Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania

In Campania al momento non ci sono casi da coronavirus. Queste le dichiarazioni del Presidente della Regione, Vincenzo De Luca: “Non si segnalano al momento casi conclamati di coronavirus nella nostra regione. Occorre comunque tenere alto il livello di attenzione e usare prudenza in particolare in situazioni di affollamento”. È importante in ogni caso ricordare a tutti i cittadini campani che l’unità di crisi epidemiologica istituita il primo febbraio scorso è pronta ad affrontare eventuali situazioni d’emergenza. Si invita a non affollare il Pronto Soccorso, a contenere gli allarmismi e a informarsi nel modo giusto. Si ricorda inoltre che è possibile telefonare al numero verde regionale – 800.909.699 – per chiarirsi ogni dubbio e placare preoccupazioni eccessive.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here