Covid 19, problemi anche per gli asintomatici. Danni a cuore e polmoni

0
1771
Covid 19
Foto dai profili Facebook ufficiali

Essere positivi al Covid 19 porta con sé un insieme di differenze, specie in merito agli effetti della malattia. Gli stessi virologi, che si esprimono agli italiani tramite mass media, hanno teorie differenti a riguardo. Nello specifico, il dottor Giorgio Palù ha espresso una teoria secondo la quale gli asintomatici non siano realmente “malati”. Le sue dichiarazioni hanno fatto discutere gli altri esperti. Molti virologi, infatti, invitano a stare in allerta sugli effetti del virus negli asintomatici.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid: FDA approva la “cura Ascierto” per i malati più gravi

L’intervista di Tv7 a Giorgio Palù sugli effetti del Covid 19

Covid 19
Giorgio Palù durante l’intervista a Tv7

Sull’emittente televisiva del Triveneto, Tv7, a metà ottobre è andata in onda un’intervista del virologo Giorgio Palù. In quell’occasione, il docente dell’Università di Padova aveva intavolato una discussione circa il contagio del Covid 19 tra gli asintomatici. “Positivo non vuol dire malato. Positivo non vuol dire contagioso”: è stata questa la dichiarazione che ha fatto molto rumore tra i virologi italiani. Secondo Palù, coloro che contraggono il virus e sono asintomatici, non possono definirsi malati, né contagiosi.

Se lei è asintomatico, può essere tracciato solo con la ricerca che si fa durante lo screening o durante il tracciamento dei contatti. Se lei è asintomatico, non lo sa. Ha senso quindi inseguire e tracciare agli asintomatici?”, ha chiesto il virologo, rivolgendosi al presentatore. Mentre Palù parlava al Triveneto, i numeri di contagi e decessi non era di certo alto come quello attuale. Però, per capire quanto bisogna fare attenzione agli asintomatici, basta semplicemente utilizzare un vocabolario. Sul Treccani online, infatti, è riportato quanto segue:

  • Asintomàtico agg. [comp. di a- priv. e sintomatico] (pl. m. -ci). – In medicina, che non presenta sintomi: malattia che decorre in modo asintomatico.

Ne deriva che una persona affetta dal Covid 19 può definirsi “malata” a tutti gli effetti e, in quanto tale, è anche veicolo di contagio.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, Moderna annuncia il secondo vaccino efficace al 94%

Asintomatici: le teorie contrastanti di Zangrillo e Burioni sul Covid 19

Covid 19Alla pari di Giorgio Palù, anche Alberto Zangrillo del San Raffaele di Milano ha espresso un pensiero simile. Il 13 agosto 2020, nella trasmissione “In Onda” de La7, Zangrillo ha parlato della differenza tra sintomatici e asintomatici. ”Non dobbiamo confondere il contagiato con il malato”, ha affermato. “Essere contagiati non significa essere malati, non ha alcun significato dal punto di vista clinico-sanitario”.

Ma nello stesso San Raffaele, c’è chi la pensa in modo totalmente opposto. Il virologo Roberto Burioni ha pubblicato sul sito “MedicalFacts” un articolo che parla degli effetti del Covid 19 negli asintomatici. Il pezzo, intitolato “Coronavirus: chi è asintomatico non è malato. Ma è vero? Facciamo chiarezza”, mette in luce i danni che il virus causa anche negli asintomatici. Lo studio ha fatto leva soprattutto su una serie di TAC, condivise da Burioni su Twitter il 3 novembre. Le immagini, pubblicate su Lancet a giugno, mostrano che i polmoni di persone asintomatiche hanno subìto danni importanti.

Così come Burioni, anche il Dott. Enrico Bucci ha confermato la tesi sulle lesioni polmonari nei pazienti asintomatici. In un’intervista a “Il Foglio” ha specificato che “anche il cuore dei soggetti asintomatici può subire danni”. Il professore ha mostrato che su 100 pazienti asintomatici presi in esame, con una media di 49 anni:

  • Il 78% aveva sviluppato anomalie cardiache;
  • Il 60% aveva sviluppato la miocardite.
Ti consigliamo come approfondimento – Cina accusa: “Il Covid 19 è partito in Italia!” Le prove in uno studio?

Anche con carica virale bassa, attenzione al Covid 19

Covid 19Quelli dei polmoni e del cuore si definiscono dei veri e propri danni silenziosi e latenti. Per questo, gli studi degli effetti del Covid 19 sui pazienti asintomatici sono ancora in corso. A rigore di logica, è opportuno restare vigili per evitare il contagio. Questo monito va espresso soprattutto nei confronti di chi non ha sviluppato i sintomi della malattia. Essere asintomatici non è sinonimo di essere sani, anche se la carica virale è bassa. Non bisogna mai sottovalutare la pericolosità del Coronavirus.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + 9 =