Covid 19: a Pechino è scattata l’ora dei tamponi anali per i più vulnerabili

0
342
tampone sospeso, covid tamponi anali cina, variante californiana napoli
Fonte: larc.it

Covid tamponi anali Cina? A Pechino una nuova frontiera del dolore. Come ha riferito la China Central Television infatti, sono stati utilizzati i primi tamponi anali per testare i soggetti considerati più vulnerabili. Lo ha riferito all’emittente televisiva statale il dottor Li Tongzeng, medico che opera nella capitale. Il virus, infatti, vivrebbe più a lungo nella cavità anale piuttosto che nel canale respiratorio. Questa tipologia di tampone, permetterebbe di ottenere risultati più affidabili in relazione alla tracciabilità delle persone infette.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo lockdown in Cina per 22 milioni di persone: i contagi si moltiplicano

Tampone anale, una tecnica per tutti?

Fine pandemia Covid, Cina, Tamponi, covid tamponi anali cina

Trattandosi di una tecnica piuttosto invasiva e dolorosa, verrà utilizzata solo in casi particolari e non su larga scala. I primi a “beneficiare” di tale nuova tipologia di tampone sono stati i residenti di un quartiere di Pechino in cui erano presenti casi conclamati di positivi al Coronavirus.

Oltre alla capitale e alla città di Shangai, nell’ultimo periodo si sono riscontrati diversi piccoli focolai nel nord del Paese. Ecco perché le autorità hanno pensato di pianificare test massivi complementari a quelli utilizzati sino a ora. Non solo più tamponi faringei e nasali, quindi, per combattere il contagio.

Ti consigliamo come approfondimento – Il Covid colpisce soprattutto le donne… ma non come pensi!

Pechino, come si sta muovendo l’autorità cinese?

Cina accusa Italia sull'origine del Covid, Pechino, Tamponi, Pandemia, covid tamponi anali cina

Con l’incremento numerico dei positivi al virus nel mondo, la Cina ha reso ancora più stringenti e severe le misure di sicurezza per le persone provenienti dall’estero. Il tutto, con l’obiettivo di ridurre e rendere prossima allo zero la trasmissione interna del Coronavirus.

A Pechino, per esempio, oltre alle due settimane di quarantena nei Covid Hotel, sono previste ulteriori due settimane di isolamento. In totale, quindi, sono 30 i giorni nei quali non si possono avere contatti diretti con altre persone.

 Ti consigliamo come approfondimento – Positivo al Covid inglese prende taxi e treni per rientrare. Denunciato!

Pechino, un lento ritorno alla normalità?

coronavirus folla gente persone gruppo covid-19 De Luca manifestazioni, Covid, Cina, Tamponi, covid tamponi anali cina

Misure ferree che, in un Paese dove l’obbedienza all’autorità è un obbligo, stanno permettendo un ritorno graduale alla “normalità”. Il resto del mondo guarda all’Oriente con speranza e trepidazione, ben sapendo però che la parola “libertà”, altrove, ha un significato diverso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − otto =