Covid cassa integrazione, 1,2 milioni di italiani aspettano ancora i loro soldi

0
88
Covid cassa integrazione

Covid cassa integrazione: 200,000 domande in giacenza. Più di 1,2 milioni di lavoratori è ancora in attesa di ricevere la fantomatica Cig di supporto. Famiglie, dipendenti, persone che non hanno ricevuto retribuzione. La crisi economica è ormai avanzata, ma dimenticata dal Governo. Nella scia delle liti nei palazzi del potere viene lasciato indietro un Paese intero. Un’Italia allo stremo ormai cade a pezzi.

Ti consigliamo come approfondimento – Conte verso Quirinale per dimissioni: crisi pilotata? Ecco i possibili scenari

Covid cassa integrazione, 1,2 milioni di lavoratori che attende

Covid Cassa integrazione
Logo del sito internet di Inps

I conti iniziano a non tornare. Al Governo continua l’incertezza e questa si riflette immancabilmente sulle vite dei cittadini. 1,2 milioni di lavoratori attende ancora la Cig promessa nel lontano 17 marzo 2020. Il paese era in pieno lockdown e il Premier, attraverso il decreto Cura Italia, prometteva che attraverso la cassa covid avrebbe risollevato le sorti di milioni di famiglie. La Cig covid avrebbe dovuto aggirare le tante fastidiose prassi burocratiche, permettendo un’erogazione veloce. Fatto sta che, da marzo in poi, i ritardi – ora dovuti a errori di compilazione, ora dovuti ad altro – sono aumentati considerevolmente. A oggi, il Civ – organo interno di vigilanza in rappresentanza di sindacati e imprese – ha riscontrato, in seguito all’erogazione del bilancio 2021, che 200,000 domande per cassa integrazione sono ancora in giacenza. L’aggiornamento è del 30 novembre e dai dati si rileva che più di un terzo dei richiedenti risale al marzo 2020.

Ti consigliamo come approfondimento – Assembramenti e proteste a Napoli per il rientro a scuola: “Vogliamo tutela”

Di promesse mancate e di briciole versate

Covid cassa integrazioneSono state tante le parole spese dal Premier Conte, ma molti meno i fondi in aiuto delle famiglie. L’Inps ha registrato un record di domande, aumentate del 3000%, da aprile a maggio. Una cassa integrazione che dovrà coprire più di 4 miliardi di ore, su dei costi che si aggirano sui 19 miliardi per 7 milioni di lavoratori. Di questi, poi, si registra che per ogni domanda del Fis – Fondo di integrazione salariale per il terziario – vi sono 14 lavoratori; 3 per le imprese con meno di 5 dipendenti, ossia Cig in deroga; 4 per la Cig ordinaria.
Da dicembre le domande sono aumentate di 365000, aggiungendo altri 2 milioni di lavoratori.

Allo stato attuale, le domande registrate, stando ai dati sono: a marzo 338;  aprile 5.338; maggio 12.188, costituiscono solo il primo terzo; mentre giugno 5.748; luglio 13.490 di luglio e agosto 5.449; stando agli ultimi dati, invece, 7.148 sono registrate a settembre; 13.888 a ottobre. In genere, quando l’Inps riceve dalla azione il SR41, documento Iban dei lavoratori, dovrebbe evadere velocemente la domanda. Un ritardo che non si comprende. A peggiorare il tutto, arriva il recente Decreto Ristori 5 che prorogherà la Cassa integrazione per altre 26 settimane. Il quale sbloccherà la possibilità di licenziamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 1 =