Galli cambia idea: “Possibile lockdown. Ho il reparto pieno di varianti”

0
164
Covid Galli oggi

Covid Galli oggi – L’infettivologo Massimo Galli, parlando alla trasmissione Mattino 5, lancia l’allarme sulle varianti. “Le varianti ci sono e sono maggiormente contagiose”, queste sono le parole dell’esperto commentando il quadro pandemico italiano. Sulla stessa linea anche Andrea Ricciardi, Direttore di Microbiologia e Virologia all’Università di Padova.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid: rispettare i diritti durante la pandemia. Quali sono quelli “negati”?

Covid Galli oggi, l’infettivologo lancia l’allarme

Covid Galli oggiL’infettivologo Massimo Galli ha lanciato l’allarme in merito alla pandemia di Covid che imperversa nel nostro paese. Lo ha fatto attraverso la trasmissione di Mattino 5. “Siamo tutti d’accordo che vorremmo riaprire tutto, ma io mi ritrovo di nuovo un reparto invaso da nuove varianti. Questo riguarda tutta l’Italia e questo fa facilmente prevedere che a breve avremo dei problemi più seri”.  

Le avvisaglie vengono guardando cosa sta succedendo negli altri paesi europei e le varianti”, ha continuato l’infettivologo. “Le varianti ci sono e sono maggiormente contagiose e quindi hanno una maggiore capacità a diffondersi. È spiacevole ma è un dato di fatto. Questa è la realtà intorno a cui è inutile fare chiacchiere”. L’invito indiretto di Galli è di prestare attenzione nei confronti delle nuove varianti del virus che sono già presenti nel nostro paese.  Sulla stessa onda sono le parole di Andrea Crisanti, Direttore di Microbiologia e Virologia all’Università di Padova.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid in Campania, De Luca: “Ennesima esplosione di contagi nel weekend!”

La nuova circolare del Ministero della Salute

Covid test Ministero Covid Galli oggiIl Ministero della Salute fa pervenire una nuova circolare sui test antigenici rapidi, viste e considerate le nuove varianti circolanti. Da quella inglese a quella brasiliana, le nuove varianti – con qualche mutazione nella proteina spike – non dovrebbero causare problemi ai test. Gli antigenici, infatti, dovrebbero comunque individuare la ‘proteina N’. Tuttavia, nella circolare si sottolinea che anche nella proteina N ci potrebbero essere delle mutazioni. Pertanto è opportuno tenerle d’occhio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 + 17 =