Covid Hospital Boscotrecase: l’ASL smentisce la chiusura

0
117
Covid hospital Boscotrecase

Covid Hospital Boscotrecase: smentita la notizia della chiusura del reparto di terapia intensiva. Malgrado il sovraffollamento e la carenza di personale medico, sta svolgendo un ruolo prezioso nell’assistenza ai malati Covid in regione.

Ti consigliamo come approfondimento – Ciro Migliore, arrestato il trans per spaccio di droga dai Carabinieri

Covid hospital Boscotrecase: il comunicato dell’Azienda sanitaria

Ospedali emergenza covid, Covid hospital BoscotrecaseLa direzione ASL Napoli 3 Sud smentisce la notizia, circolata nei giorni scorsi, della chiusura del reparto rianimazione del Covid hospital di Boscotrecase. Con una nota, l’Azienda Sanitaria dichiara: “Alcune unità hanno lasciato l’ospedale perché hanno vinto il concorso al policlinico di Napoli.”

Per quanto riguarda la carenza di specialisti che affligge la struttura, si sta perfezionando un accordo con anestesisti provenienti dall’ASL Napoli 2 Nord in regime di auto-convenzionamento che garantiranno le ore necessarie. Al contempo la direzione ha chiesto il supporto di tutti le risorse presenti nell’azienda per tamponare le momentanee criticità emerse presso la rianimazione del Covid hospital di Boscotrecase dovute alla carenza di medici anestesisti, con l’obiettivo di mantenere inalterato il livello attuale dei servizi. “Intanto, il prossimo 26 febbraio 2021 si concluderà il concorso per l’assunzione di 15 anestesisti destinati al Covid hospital di Boscotrecase e alle altre strutture ospedaliere aziendali.” Si legge ancora nel comunicato dell’azienda.
Ti consigliamo come approfondimento – Astrazeneca, forti effetti collaterali. Insegnanti con febbre alta e nausea

Covid hospital Boscotrecase: baluardo nella lotta al virus

pascale, Covid hospital Boscotrecase

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca aveva inaugurato il reparto di terapia intensiva dell’ospedale lo scorso maggio. Alla cerimonia di inaugurazione avevano partecipato, oltre ai vertici dell’ASL, anche il consigliere regionale Casillo e i sindaci del territorio.
Solo la settimana scorsa erano stati annunciati altri 30 nuovi posti letto in reparto. Un nuovo tentativo di fronteggiare l’incremento dei contagi da Covid-19. Questi erano andati ad aggiungersi a 22 posti già disponibili, per incrementare la disponibilità di assistenza ventilatoria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 + 12 =