Covid Italia decessi: superati i 100.000 morti. Primi in Europa

0
131
Covid Italia decessi

Covid Italia decessi: la nostra nazione ha superato la soglia dei 100.000 morti dall’inizio dell’emergenza sanitaria. È il primo paese della UE a tagliare questo triste traguardo. Il mese scorso, l’Italia aveva già raggiunto il preoccupante record dei 90.000 decessi. Ieri l’ultimo bollettino con contagi e decessi nelle regioni ha registrato 13.902 i nuovi casi. L’indice di positività è al 7,5% e si sono contate 318 vittime in sole 24 ore. Colpevoli di questo aumento le varianti del virus, in primis quella inglese e quella brasiliana, che hanno contribuito all’aumento dei positivi e dei ricoveri nelle regioni. E hanno fatto sì che, negli ultimi mesi, i decessi non scendessero mai sotto i 200 giornalieri.

Ti consigliamo come approfondimento – Astrazeneca sospeso in Germania per effetti collaterali. Aggiornamenti

Covid Italia decessi: il drammatico bilancio

Covid Italia decessiSecondo l’ISTAT, tra marzo e dicembre 2020 si sono registrati 108.178 decessi in più rispetto alla media dello stesso periodo degli anni 2015-2019.

In particolare, il report intitolato “Impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente anno 2020” segnala che il totale dei decessi nello scorso anno è stato il più alto mai registrato dal secondo Dopoguerra. In Italia ci sono stati oltre 700.000 morti, circa 108.000 decessi in più rispetto alla media. E la drammatica contabilità, purtroppo, coincide con i dati Covid.

Inoltre, secondo i dati della Johns Hopkins University, a livello globale l’Italia è al terzo posto per tasso di letalità. Il suo rapporto percentuale tra decessi e contagi certificati è del 3,31%. È inferiore solo a Messico (8,93%), Iran (3,66%) e Perù (3,50%).

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, insegnante deceduta dopo il vaccino: indagini in corso

Covid italia decessi: le parole del premier Draghi

Covid Italia decessi
Foto dal profilo Facebook ufficiale di Mario Draghi

In merito a questo preoccupante andamento, il premier Mario Draghi ha dichiarato: “Ci troviamo di fronte ad un nuovo peggioramento dell’emergenza sanitaria, ognuno deve fare la propria parte per contenere la diffusione del virus. Soprattutto il governo deve fare la sua e ogni giorno deve cercare di fare di più“. E ha poi aggiunto “La pandemia non è ancora sconfitta, ma con l’accelerazione del piano dei vaccini si intravede una via d’uscita non lontana“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove − 7 =