Covid, il vaccino cinese in Indonesia efficace al 97%

0
387
vaccino cinese Indonesia

Vaccino cinese Indonesia? Pare che porti a risultati quasi eccellenti. Lo afferma Bio Farma, l’agenzia alimentare e farmaceutica indonesiana che sta lavorando alla cura contro il Covid-19. I primi utilizzi sono stimati per casi emergenziali a partire da fine gennaio.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid, Margaret Keenan prima al mondo a vaccinarsi

Vaccino cinese Indonesia? È efficace!

vaccino cinese Indonesia
Logo di Sinovac

Il vaccino cinese Indonesia ha iniziato le sue sperimentazioni circa un mese fa, sottoponendo ai test circa 1.600 volontari. Nelle scorse ore sono arrivati i primi risultati: tutte le somministrazioni mostrano un’efficacia del 97%.

Il risultato strabiliante è marchiato Sinovac, la società cinese incaricata di produrre il farmaco anti Covid. Si tratta tuttavia di dati provvisori, che dovranno essere confermati con ulteriori studi e prove pratiche. A comunicarlo è stato il dottor Iwan Setiawan, il portavoce di Bio Farma, il quale ha aggiunto che se tali numeri dovessero riconfermarsi, il vaccino arriverebbe verso la fine del mese di gennaio. Esso potrà essere usato unicamente in casi di vera emergenza, in attesa dell’inizio della vaccinazione di massa.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid 19, è rivoluzione: un’ecografia scopre prima del tampone il virus

Vaccino cinese Indonesia e i Paesi europei: Italia arretrata

vaccino cinese Indonesia
Il dottor Matteo Bassetti, dal suo profilo Facebook

Il vaccino cinese Indonesia non sarebbe paragonabile al vaccino Italia secondo Walter Ricciardi, consigliere del ministero della Salute e docente di Igiene alla Cattolica di Roma. La situazione italiana, difatti, è ben diversa e più problematica. Insieme ad altri esperti, Ricciardi prevede una terza ondata epidemiologica tra dicembre e gennaio, poco dopo il periodo natalizio.

“Rischiamo di diventare la pecora nera dell’Europa”, afferma Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. Si riferisce alla velocità con la quale gli altri Paesi si sono adoperati per ufficializzare i rispettivi vaccini, mentre l’Italia è ancora piena di incertezze. “Se non ci si vaccina, bisogna saperlo molto chiaramente, il 2021 sarà una fotocopia del 2020, conclude.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − 6 =