Credito d’imposta per immobili e affitti: ecco i requisiti per richiederlo

0
446
nuove banconote pensione canone rai, giuseppe conte, decreto ristori quater

Via libera da parte dell’Agenzia delle Entrate per il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto aziendale. A poter godere del canone d’imposta anche i forfetari e gli enti non commerciali che svolgono attività istituzionali di interesse generale. Si potrà accedere al credito, che sarà al 60% del canone mensile per la locazione, il leasing o la concessione di immobili ad uso non abitativo.

Ti consigliamo come approfondimento – Stati Generali: cosa sono e perché Conte li convoca

Credito d’imposta, le nuove direttive dell’Agenzia delle Entrate

credito d'impostaCon il decreto legge 34/2020 Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, il credito d’imposta sarà previsto anche per gli immobili ad uso non abitativo e per gli affitti d’azienda. A beneficiare del credito d’imposta saranno anche:

  • I soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro. I ricavi riguardano il periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto legge 34/2020;
  • Le strutture alberghiere e agrituristiche indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente;
  • Gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti in relazione al canone di locazione; di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività istituzionale.

Come sarà applicato il credito d’imposta

credito d'impostaFacendo riferimento ai versamenti nel periodo d’imposta per i mesi di marzo, aprile e maggio, la misura del credito sarà:

  • Pari al 60% dell’ammontare mensile del canone di locazione degli immobili ad uso non abitativo;
  • Pari al 30%dell’ammontare mensile del canone per servizi o affitto d’azienda.

I contratti, inoltre, devono avere ad oggetto lo svolgimento di attività.

Per quanto riguarda gli immobili per l’esercizio di una professione o un’attività di lavoro autonomo, il credito sarà riconosciuto al 50% del canone di locazione. Questo solo nel caso in cui il contribuente non disponga nel medesimo comune di altro immobile adibito a una professione.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus campi estivi 2020: al via le domande. Ecco come ottenerlo

Requisiti e mensilità di riferimento

credito d'impostaSecondo il d.l. 34/2020, per beneficiare del credito, gli esercenti dovranno dimostrare una riduzione del proprio fatturato. Una diminuzione uguale ad almeno il 50% riguardante i mesi di marzo, aprile e maggio dell’anno scorso.

Il credito inoltre, verrà commisurato seguendo:

  • L’importo versato nel periodo d’imposta dei mesi di marzo, aprile e maggio;
  • L’importo versato, nel caso di strutture turistiche, dei mesi di aprile, maggio e giugno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + cinque =