Cuckolding, quando il tradimento accende la passione sessuale di coppia

0
246
Cuckolding

Negli ultimi anni, il cuckolding si è spostato dal porno alla realtà. Una pratica sessuale che esorcizza il grande demone del tradimento. Un po’ BDSM, un po’ feticismo, un po’ masochismo. Il cuckolding incentiva il partner a praticare il sesso con altre persone. Ma il partner partecipa? Ci sono tante versioni e diversi sono i ruoli per le parti coinvolte. Tuttavia, attenti a non superare il limite.

Ti consigliamo come approfondimento – Sesso e Serie Tv: ecco le 5 più “hot” che proprio non puoi perderti

Cuckolding e Cuckquean: una pratica sessuale sempre più in voga

cuckoldingMonogamia o poligamia? Coppia o threesome? Sesso tradizionale, pratiche sadomaso o qualche manetta? Il sesso ha tante sfumature e vivere una vita sana e appagante deve contemplare anche il piacere. Un godimento che non è solo personale, ma prima di condivisione e soddisfazione dell’altro. Molte sono le coppie che vedono la passione arenarsi col tempo. La routine, gli impegni, la stanchezza, l’abitudine spesso sono causa di allontanamento tra due persone. Così, accade che una delle parti inizia a a guardarsi intorno e il demone del tradimento si manifesta. Da sempre, l’atto del tradimento è considerato il peggiore degli incubi in una coppia. Separazioni e divorzi sono in gran parte imputati a questa rottura del legame. 

Tuttavia, se proprio il tradimento fosse la scintilla che ravvivi la vita di coppia? Si chiama cuckolding, è una pratica sessuale sempre più diffusa. In origine, la parola deriva dal francese ‘cucualt‘ che si traduce in cuculaccio, da cuculo. Questo per il comportamento poligamico del cuculo e dell’abitudine della femmina a deporre le uova nei nidi altrui. Come ogni parola il cuckolding si è arricchita nel tempo e si è contaminata del contesto pornografico. Per cui, tale pratica prende la derivazione dall’inglese cuckold, traducibile in ‘cornuto‘, colui che subisce il tradimento. 

Ti consigliamo come approfondimento – Sesso over 70: nel Regno Unito si abbatte ogni tabù

Cuckolding: quali sono le regole del gioco?

cuckoldingIl cuckolding si permea di una serie di sfumature che rendono tale pratica molto dinamica e versatile. Ogni controparte dell’atto ha un ruolo ben definito, ma ciò che può accadere resta nel libero godimento dei partecipanti. Il cuckolding è un adulterio ricercato e manifesto. Il partner uomo, il cuckold, desidera, si eccita, trova piacere se la sua compagna, la sweet, ha un rapporto con un altro uomo, il bull. Ciò può essere proposto anche dalla donna, che in questo caso viene denominata cuckquean. La pratica si presenta versatile perché può nascere e restare una semplice fantasia. I partner possono raccontarsi questo desiderio e fantasticare tra le lenzuola.

Oppure, la trama del desiderio può tramutarsi in realtà e le tinte sono le più variegate. Il cuckold o la cuckquean possono limitarsi al voyeurismo. Ossia, soltanto guardare il partner a letto con un altro. Possono avere scambi col partner o con il terzo. Possono lasciarsi sottomettere da esso o mancare del tutto. Lasciare che l’altro incontri segretamente un terzo e rimandare il piacere durante il resoconto. Altre forme possono, invece, prevedere l’assenza di orgasmo o il divieto assoluto di giungervi.

Ti consigliamo come approfondimento – Sesso, la porta segreta del piacere: il lato B tra gioia e peccato

Quali sono i limiti del cuckolding?

cuckoldingIn psicologia, il cuckolding prende il nome di triolagnia o triolismo. Una pratica che vede la stimolazione mediata da più parti. In questo caso, il partner, l’amante, la visualizzazione, il proibizionismo e ancora molto altro. Per triolagnia si intende provare piacere nel guardare il nostro partner coinvolto in un’attività o una pratica sessuale. Può trattarsi di una manifestazione di voyeurismo, ma anche di feticismo o masochismo psicologico. Il cuckolding funge, dunque, da strumento per la coppia per accentuare, alimentare o ravvivare il desiderio.

Come qualsiasi pratica sessuale, anche il cuckolding non è esente da limiti. Per l’appunto, deve restare una modalità tra le diverse modalità. In poche parole, attuare sempre le stesse abitudini sessuali, con eccessivo rigore, senza accettare una variazione può indurre in un disturbo parafiliaco. Ossia, manifestare una dipendenza assoluta è un sintomo di allarme. Questo non vale solo per il cuckolding, ma per qualsiasi pratica, anche per quelle che sono considerate “normali” dai più. Se il comportamento sessuale non è condiviso da entrambi e non porta piacere a entrambi, è il caso di ascoltarsi e variare. Prima che sia troppo tardi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 + quattro =