DaD: acronimo di didattica a distanza o di deficit al digitale?

Tutte le verità sulla didattica a distanza

0
365
DaD

Davvero la DaD funziona come dicono? Per capire l’effettivo funzionamento abbiamo deciso di intervistare ragazzi e docenti di differenti scuole. Abbiamo messo in evidenza alcuni passaggi fatti dalla ministra Azzolina in merito al buon funzionamento della DaD, dimostrando con varie interviste, quali sono i veri retroscena della didattica a distanza

Ti consigliamo come approfondimento – Azzolina sulla scuola: “Chiederò ristori formativi per supporto psicologico”

DaD funziona, per Azzolina non ci sono dubbi 

DaD
Foto dal profilo ufficiale Instagram del ministro

La DaD al netto delle difficoltà tecniche, secondo il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina, sta andando per il meglio nella scuole italiane. Per avere conferma, basta leggere le affermazioni che ha rilasciato la ministra su diverse testate giornalistiche. Su skytg24 ha fatto le seguenti dichiarazioni: “la didattica a distanza è un successo”; Azzolina non ha dubbi: “mi impegno perché nessuno venga escluso”. Su oggiscuola Azzolina dichiara: “DaD sta funzionando, consegniamo Tablet e Giga”.  

Ti consigliamo come approfondimento- Scuola: il Governo sempre più indeciso sul ritorno in aula

DaD: c’è qualcosa che non quadra 

Da quando ha avuto inizio la didattica alternativa, le numerose dichiarazioni di Azzolina nondad hanno rispecchiato la realtà. A differenza di quanto dichiarato dalla ministra, gli studenti hanno riscontrato innumerevoli difficoltà. I dispositivi elettronici messi a disposizione non erano abbastanza rispetto al numero di studenti che ne necessitavano. Molte famiglie sono state costrette ad acquistare devices con i propri fondi. Solo adesso alcune compagnie telefoniche hanno concesso giga gratis per le lezioni. Viene a mancare il contatto umano e la comunicazione diretta, che fanno la differenza nel processo di apprendimento.  

DaD: il punto di vista dei docenti e degli alunni 

dad
Alunna Marilisa D’Avino

La nostra inviata speciale, Gargiulo Giada, ha intervistato docenti e alunni di diverse scuole, in merito al reale funzionamento della didattica a distanza, riportando le loro opinioni: Cosa pensi della didattica a distanza e cosa cambieresti?

Punto di vista degli alunni: La risposta generale è: “Non mi piace perché la maggior parte dei corsi è spesso interrotta da problematiche tecniche. Creerei una piattaforma più adatta”.

Punto di vista dei professori: La DaD può essere molto utile per integrare gli apprendimenti in presenza, ma non   può essere esclusiva su un periodo troppo lungo“. 

DaD
Professoressa Anna Morra
Preferisci la DaD o didattica in presenza, pensi sia utile per l’apprendimento? 

Punto di vista degli alunni:                                        Personalmente preferisco la didattica in presenza, essendo più concentrata a scuola che a casa. L’apprendimento, dipende solo dal grado di attenzione” . 

Punto di vista dei professori:
La didattica a distanza è solo un surrogato della didattica in presenza, vi si può ricorrere solo eccezionalmente. Non siamo adeguatamente attrezzati, mancano i devices da parte di alcuni alunni. La DaD impedisce di perdere il contatto con la classe, in termini di apprendimento il risultato è eterogeneo. Gli studenti più interattivi ti seguono, ma perdi quelli demotivati. In situazioni di emergenza la DaD, costituisce un’ alternativa completa, ma su lunghi periodi può perdere di efficacia. 

Pensi che la DaD possa essere l’unico mezzo possibile per sostituire la didattica in presenza?

Punto di vista degli alunni: “No, non è migliore di quella in presenza, le lezioni non sono di facile comprensione. Inoltre si perde la bellezza della scuola e dello stare in classe con i compagni”.

Punto di vista dei professori: È pur sempre un arricchimento in termini di formazione”. 

La sospensione forzata della didattica in presenza, ha interrotto bruscamente anche i rapporti quotidiani con i tuoi compagni? 

Punto di vista degli alunni: Si, i social non possono essere paragonati alla realtà. Non è più possibile stare in classe insieme, usare la pausa per ridere, scherzare e raccontare le cose successe durante il weekend” .

Ti consigliamo come approfondimento – Scuola Campania proteste Dad interrotte per problemi di sicurezza

In base alle interviste, professori ed alunni, concordano in modo unanime che la didattica a distanza ha funzionato per un breve periodo. È arrivato il momento di prendere delle decisioni perché la DaD ha creato solo distanziamento tra gli alunni, una confusione generale e una riduzione dell’apprendimento. 

Quale sarà la nostra sorte?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove − 15 =