Padre uccide il figlio di 7 anni sgozzandolo, poi cerca di uccidere la moglie

0
1036
davide paitoni,

Davide Paitoni ha ucciso suo figlio di 7 anni sgozzandolo e lo ha nascosto nell’armadio. Poi ha tentato di uccidere anche la moglie dalla quale si stava separando. Una notizia tragica che avviene a Morazzone, in provincia di Varese. Paitoni ha 40 anni ed ora è accusato di omicidio premeditato. Il tutto è avvenuto la notte di capodanno. La donna è fortunatamente riuscita a fuggire e i suoceri hanno avvertito le autorità. Fermato dopo un inseguimento è stato arrestato. Aveva con se il coltello dell’omicidio e dosi di cocaina.

Ti consigliamo come approfondimento – Torre del Greco, bimbo annegato spinto da madre: “Credevo fosse disabile”

Davide Paitoni: il racconto dell’omicidio

Omicidio Vetralla, matias bimbo ucciso, davide paitoni,Davide Paitoni, raccontano, è una persona violenta con la moglie. Per questo è stato allontanato e i due sono in procinto di divorziare. La notte di capodanno tuttavia la donna permette all’uomo di vedere suo figlio. Quando però Paitoni torna da lei per riportarlo, il bimbo di 7 anni non c’è. Il piccolo Daniele è morto, sgozzato dal padre, e nascosto nell’armadio. Paitoni cerca poi di uccidere anche la madre che riesce a sfuggirgli. Sono sotto casa dei suoi suoceri che avvertono le autorità. Inizia l’inseguimento che lo vede fermato e arrestato. Con se aveva l’arma del delitto e dosi di cocaina.

Ti consigliamo come approfondimento – Bambino travolto e calpestato da Royal Guard: stava intralciando la marcia

Davide Paitoni: l’interrogatorio e le parole dell’avvocato

consiglio di stato, processo ciro grillo, davide paitoni,Il primo interrogatorio a Davide Paitoni si è tenuto oggi. L’uomo è accusato di omicidio con l’aggravante di premeditazione, crudeltà e tentato omicidio nei confronti della moglie. Tuttavia davanti al Gip, il 40enne del Varesotto ha preferito non rispondere. “Non era in condizioni di sostenere l’interrogatorio” afferma il suo avvocato Stefano Bruno. “Ci aspettiamo la conferma della custodia cautelare in carcere nella sua massima espressione”. Ha poi continuato l’avvocato. “Non ho ancora avuto modo di entrare nel merito dell’accaduto con il mio assistito”. Sostenendo che: “Al momento mi sto occupando del lato umano”. Per quanto umano si possa definire un padre che sgozza il proprio figlio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × cinque =