De Luca: “140mila vaccinati in Campania con Astrazeneca, tutto tranquillo!”

0
225
de luca astrazeneca

De Luca Astrazeneca: nel consueto appuntamento settimanale il governatore rassicura sull’efficacia del siero anglo-svedese e fornisce gli ultimi dati sulla campagna vaccinale in regione.

Ti consigliamo come approfondimento – Tre “eroi” cercano di sventare rapina, multati perché fuori comune

De Luca Astrazeneca: “Il siero è sicuro, si riprenda la vaccinazione!”

Il governatore campano De Luca ha iniziato il consueto appuntamento social con un ricordo delle tante vittime della pandemia Covid, dopo le commemorazioni che si sono svolte nella giornata di ieri in tutta Italia. Punta poi l’attenzione sulle molte difficoltà relative al proseguire della campagna vaccinale in regione. “In Italia assistiamo a elementi di burocratismo assurdi” dice. “In altri paesi (Stati Uniti, Israele, Regno Unito…) i vaccini si effettuano anche nei parcheggi, con un sistema tipo drive in. In Italia invece ci vogliono mesi per aprire un centro vaccinale. Quando si è in guerra, non si devono rispettare i protocolli dell’ASL – bisogna correre, non preoccuparsi dei formalismi.”

Dopo le rassicurazioni dell’EMA sull’efficacia del vaccino Astrazeneca, il governatore spinge per una ripartenza delle vaccinazioni anche con il siero anglo-svedese. “Dobbiamo procedere a vaccinare anche con AstraZeneca. Finora sono state circa 140mila le somministrazioni Astrazeneca in regione: tutto tranquillo.” Il presidente poi invita tutti a vaccinarsi anche con Astrazeneca a partire dalle 15:00 di oggi.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino AstraZeneca: riprendono le somministrazioni anche in Italia

I numeri della pandemia in regione Campania

Diretta De Luca Campania De Luca botti
Fonte: Belvedere news

Ad oggi stiamo reggendo nelle terapie intensive con 160 posti occupati” prosegue il governatore. “Non abbiamo chiuso altri reparti per accogliere i pazienti Covid (diversamente da quanto hanno fatto altre regioni come la Lombardia). Vogliamo dare assistenza anche alle persone affette da patologie non connesse al Coronavirus.” In regione c’è un livello di occupazione in terapia intensiva attestato al 27%. La soglia critica che costringerebbe alla chiusura di altri reparti ospedalieri è del 30%. Nella degenza in area medica il 37% dei pazienti è affetto da Covid (oltre il 40/45% si va in affanno).

Per quanto riguarda i vaccini, ad oggi sono 633mila le persone vaccinate almeno con una dose di siero. “È un dato rilevante” afferma De Luca. “Si tratta di una forma di barriera che copre rispetto al contagio Covid.” La campagna vaccinale è praticamente completata per medici e personale sanitario; il 73% degli ultraottantenni ha fatto anche la seconda dose, mentre sono 2mila gli over70 già vaccinati (la campagna vaccinale per questi ultimi è iniziata questa settimana). Per quanto riguarda i giovani, il governatore dichiara: “L’unico vaccino per i ragazzi è Pfizer, ma purtroppo le dosi sono limitate. La vaccinazione per i più giovani permetterebbe la riapertura delle scuole. Siamo pienamente consapevoli che è un problema per famiglie e ragazzi, ma abbiamo il dovere di garantire la vita – per chi lavora, per i nostri anziani, per i ragazzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − 9 =