De Luca Covid Campania: “Pronti al vaccino, vogliamo aprire per sempre”

0
1780
de luca covid campania

De Luca Covid Campania: la regione è sulla via di guarigione, mai dati così bassi. Salve le terapie intensive, basso il numero di ricovero. Pronte le misure di vaccinazione, il 12 gennaio un’esercitazione regionale. Ideato un piano d’azione per tutelare chi si sottoporrà al vaccino. Intanto, per il periodo natalizio le misure di prevenzione si faranno più dure. Per il 2021, redatto un piano per aiutare la Campania a risorgere.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca diretta, nuova ordinanza in Campania: “Stop alla mobilità per i piccoli comuni”

De Luca Covid Campania: “È finito lo sciacallaggio, siamo sulla strada della ripresa”

Scuole Campania De Luca Covid Campania
Dalla pagina ufficiale del governatore Vincenzo De Luca

De Luca Covid Campania, il governatore della regione è stato chiaro da sempre: non vanno falsificati i dati per danneggiare le altre regioni. Nella sua diretta Facebook di oggi ha mostrato i numeri che darebbero ragione alle sue passate supposizioni.
La Campania è una regione in via di stabilità, che purtroppo viene ancora indicata come zona arancione e ad alto rischio di contagio Coronavirus.

De Luca tuona imperioso verso le regioni in zona gialla che avrebbero le terapie intensive intasate. La regione campana registra 119 pazienti in terapia intensiva, a fronte dei 640 posti disponibili. Diverse le realtà in diverse zone italiane: Lombardia 611 posti occupati, Piemonte 240, Emilia Romagna 206, Lazio 311. Il Veneto, ancora, 352. Un mistero quello delle zone in diversi colori. I governatori, difatti, scelgono in maniera indipendente di stringere la morsa intorno alle prevenzioni, Zaia in Veneto dichiara zona rossa da domani, De Luca aumenta controlli.

La regione campana si è salvata questa estate per aver filtrato i rientri dalle vacanze, chiuso le scuole in anticipo e varato misure preventive molto dure, mascherine, coprifuoco.
Pertanto, anche per le feste natalizie aumenteranno controlli e ordinanze.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca sul vaccino Covid: “Assenza di chiarezza da parte del governo!”

De Luca Covid Campania pronta al vaccino, si partirà il 26 dicembre

vaccino antinfluenzale de luca covid campania

Grida al miracolo il governatore De Luca: “la Campania si è salvata da sola“. È polemica verso i bandi della Protezione Civile, soltanto 23 i medici inviati, dei quali un solo anestesista.
Tuttavia, la riflessione maggiore è mossa allo stato delle procedure vaccinali in Italia.
I vaccini, secondo l’opinione del governatore, dovrebbero essere distribuiti seguendo il tasso di popolazione, garantendo almeno una copertura del 10%. Ma la prassi che si seguirà prevede una distribuzione dai criteri sconosciuti, dalla natura poco equa.

È ancora attesa per i congelatori. La fornitura sarebbe dovuta essere a carico del commissariato nazionale. Il rifornimento, invece, è stato avanzato secondo misure autonome, completato al 95%. Ritardi anche sulla consegna dello stesso vaccino, ma la Campania è pronta. Il 27 dicembre in tutta Europa partiranno le vaccinazioni, in una giornata unica. La regione ha intenzione di preparare degli spazi addetti alla somministrazione separati da quelli adibiti alla registrazione delle generalità di chi si sottoporrà alla pratica preventiva. Uno spazio adibito alla sorveglianza del paziente, per controllare eventuali reazioni allergiche e un percorso di sicurezza. Pronta un’esercitazione regionale per il 12 gennaio.

Ti consigliamo come approfondimento – Zona rossa a Natale: le Regioni contro la decisone del Governo

Miracolo Campania: la regione vuole aprire per sempre

scipione De Luca Covid CampaniaDe Luca è pronto a battagliare per la regione. L’intenzione è quella di creare un’intesa comune con i governatori delle regioni del Sud per edificare un “fronte meridionale“. La missione è quella di ottenere la maggioranza dei fondi europei del Mes per aiutare le regioni in difficoltà. Stando alle stime, il 66% dei 65 miliardi a fondo perduto andrebbero al Nord, mentre solo il 34% spetterebbe al Sud.
Una condizione che il governatore campano non riesce ad accettare. L’erogazione dei fondi da parte dell’Europa è volta proprio a risolvere il divario di reddito e occupazione Nord/Sud.

Intanto, la Campania ha pronto un progetto per aiutare 500 e più piccole imprese. Un prestito di 35.000 euro in tre mesi per dare credito alle piccole realtà commerciali, artigianali e imprenditoriali. In collaborazione con Confidi, saranno stanziati 4 milioni, in attesa dei 160 milioni europei volti ai prestiti per imprese. All’arrivo dei suddetti, il prestito campano verrà estinto, in caso contrario la durata si allungherà a 3 anni con tassi di mercato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − quattro =