De Luca: “La campagna vaccinale non riparte per Reddito di Cittadinanza”

0
90
De Luca reddito di cittadinanza

Per De Luca reddito di cittadinanza è una delle cause del rallentamento della campagna vaccinale in Campania. Lo afferma nella sua diretta Facebook. Secondo il governatore il lavoro a nero incentivato dal reddito non invoglia le persone che lo possiedono a volere il Green Pass. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Camionisti contro il Green Pass: in 35mila pronti a bloccare le autostrade

De Luca reddito di cittadinanza: l’accusa durante la diretta 

de luca terzo mandato, De Luca reddito di cittadinanza Nella sua consueta diretta Facebook il governatore della Campania ha parlato del calo delle vaccinazioni delle ultime settimane. In Campania si è passati da 70mila vaccini al giorno a  17mila. Per De Luca il motivo di una tale decrescita dei numeri è da collegarsi al reddito di cittadinanza. “Neanche con le decisioni sul Green Pass la campagna vaccinale è ripresa. Diverse le motivazioni. In Campania c’è un livello elevato di economia sommersa. Quindi le persone non hanno il problema della sospensione. E abbiamo il numero più alto di reddito di cittadinanza.” Non è la prima volta che il governatore si scaglia contro l’incentivo per i disoccupati. Già nel periodo estivo aveva denunciato come il reddito di cittadinanza minasse ai lavori stagionali nell’ambito della ristorazione. Questa volta invece per De Luca chi percepisce il reddito non si preoccupa di vaccinarsi perché non ha necessità del Green Pass. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Campania, sospesi sanitari noVax dopo aver rifiutato la vaccinazione

De Luca: la situazione Covid 

Covid dopo vaccino, De Luca reddito di cittadinanza Dopo aver terminato il discorso su Green Pass, vaccini e Reddito di Cittadinanza, De Luca rilascia dichiarazioni più rassicuranti sulla situazione epidemiologica in Campania. “Non registriamo picchi di contagio. C’è un livello ancora elevato di mortalità ma non abbiamo ingolfamento dei reparti ospedalieri o delle terapie intensive.” Positive anche le notizie dalle scuole che hanno terminato la loro prima settimana di ritorno in presenza. Non si sono registrati focolai preoccupati. Ma il governatore sottolinea come per un quadro generale dovremmo aspettare l’andamento delle prossime due settimane. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci + sedici =