De Luca scuole chiuse, genitori no Dad inferociti: “Ricorso al Tar e scioperi”

0
999
de luca scuole chiuse

De Luca scuole chiuse – continua la lotta tra le forze politiche e i NO DAD. I genitori contrari alla didattica a distanza tornano a fare ricorso al TAR per riaprire le scuole. Nel frattempo hanno indetto uno sciopero di due giorni per dimostrare la propria determinazione nell’ottenere ciò che chiedono. Quest’azione è stata presentata nel gruppo Facebook “Usciamo dagli schermi”.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19, scoperta a Napoli la variante Californiana

De Luca scuole chiuse: genitori NO DAD ricorrono al TAR

I dati epidemiologici delle ultime settimane non fanno sperare in bene. Con l’arrivo delle varianti inglese e brasiliana a Napoli e dintorni, Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza per chiudere le scuole di ogni ordine e grado fino al prossimo 14 marzo. Ma i genitori di bambini e ragazzi non ci stanno. Questa è una battaglia che portano avanti dal gennaio scorso. I dati epidemiologici di quel mese, infatti, non erano eccessivamente gravi da costringere gli alunni a rimanere in DAD. In questo modo erano ritornati in presenza, grazie all’aiuto dei giudici del TAR. Ed è proprio il Tribunale Amministrativo Regionale l’arma segreta dei genitori NO DAD. Il movimento Scuole Aperte in Campania è contro il Presidente della Regione, minacciandolo di tornare a far ricorso all’aula legale. Ma i giudici stavolta si troveranno davanti i nuovi dati della pandemia, forniti dall’Unità di Crisi.

Ti consigliamo come approfondimento – Corteo shock a Napoli per Ugo Russo: mega assembramenti e striscioni

De Luca scuole chiuse: lo sciopero dei ragazzi

google downIn attesa di ulteriori sviluppi in merito a questa faccenda, è stato indetto uno sciopero di due giorni. L’iniziativa, che abbraccia i giorni 2 e 5 di marzo, parte da un gruppo Facebook chiamato “Usciamo dagli schermi”. L’avviso recita:

“Sui giornali e nei proclami politici continuano a ripetersi altisonanti frasi come ‘La scuola sarà l’ultima cosa che chiuderemo!’, ‘La scuola non ha mai chiuso!’, ‘La scuola continua a distanza!’ Si tratta di affermazioni ipocrite, perché la scuola è a scuola. Perché è ormai conclamata evidenza scientifica che la didattica a distanza non solo non è scuola, ma ha effetti devastanti sull’apprendimento e sulla tenuta psichica dei nostri figli e delle nostre figlie. Se la DAD è il pretesto per dire che la scuola non ha chiuso né chiuderà mai, allora disconnettiamoci.”