De Luca contro Draghi e il Governo per i vaccini: “Dorme in piedi!”

0
200
De Luca diretta

De Luca vaccini: nel consueto appuntamento Facebook del venerdì, il governatore accusa Draghi e i ministri di inefficienza sui vaccini. Troppo lenta l’approvazione di nuovi vaccini e ineguaglianze nella distribuzione delle dosi sul territorio. 

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus INPS 2400 euro, attivata la procedura online: come fare domanda

De Luca vaccini: ingiustizie e campagna troppo lenta

Campania arancione richiude, de luca vaccini
Immagine dal profilo Facebook ufficiale di Vincenzo De Luca

Una settimana effervescente, quella appena trascorsa, che il governatore De Luca commenta brevemente all’inizio della sua conferenza settimanale. In particolare, attenzione e sdegno per le parole provocatorie del leader di M5S Beppe Grillo in difesa del figlio Ciro.

Si passa poi a parlare di vaccini, argomento particolarmente sentito dal governatore. Su questo il governo centrale sembra agire in modo confuso e disorganizzato. De Luca lamenta lentezza nell’approvazione di nuovi sieri (come ad esempio lo Sputnik) che potrebbero aiutare per una campagna vaccinale più capillare. Intanto la Campania procederà come stabilito. Dopo la conclusione della campagna vaccinale per pazienti fragili e over-70, inizierà la vaccinazione di carattere generale delle isole. Le più a rischio con l’esposizione agli stranieri e all’importazione delle varianti. Infine, si passerà ai protocolli d’intesa per le categorie imprenditoriali (es. turismo, ristorazione). Dalla settimana prossima, inoltre, inizierà la distribuzione delle card di avvenuta vaccinazione (con leggero ritardo rispetto al previsto per motivi logistici).

Ti consigliamo come approfondimento – Omicidio Maurizio Cerrato: ucciso per un parcheggio, arrestate 4 persone

Le proposte del governatore per le riaperture

de luca vaccini

Secondo il governatore, sulle riaperture si sta agendo in maniera caotica e sconclusionata. Per questo motivo risponde alle direttive di Roma con due proposte concrete. Per quanto riguarda le riaperture serali dei ristoranti, propone una riapertura dei locali fino alle 23:00 e uno slittamento del coprifuoco fino alle 23:30. Questo per permettere alle persone di rientrare a casa dopo aver cenato fuori, magari esibendo ai controlli uno scontrino con l’orario di uscita dal ristorante. Per attuare questo, tuttavia, sono necessari controlli capillari sul territorio da parte delle forze dell’ordine.

Per le scuole, invece, De Luca propone un rientro in presenza solo per le classi prime medie e per l’ultimo anno delle scuole superiori. Non tutte le scuole sono pronte ad accogliere gli studenti mantenendo il distanziamento. Per questo motivo la regione ha emesso un’ordinanza che permette la frequenza al 50% qualora non siano garantibili i giusti distanziamenti. “Sulla riapertura delle scuole si agisce per motivi ideologici. Purtroppo sono già 3.000 le persone in isolamento per contatti con positivi della scuola. Non possiamo permetterci nuovi focolai.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − tre =