De Luca propone una zona arancione unica da applicare in tutta Italia

0
285
de luca zona arancione

De Luca zona arancione: nel consueto appuntamento del venerdì su Facebook, il governatore fa il punto sulla situazione epidemiologica a livello regionale e nazionale.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli eplosione ospedale: voragine nel parcheggio dell’Ospedale del Mare

De Luca: la prudenza è l’unica risposta all’epidemia

Diretta de luca zona arancione

Dopo un riferimento al drammatico episodio avvenuto stamattina all’Ospedale del Mare, il governatore ha lodato gli sforzi della Campania per reggere l’urto della seconda ondata della pandemia. “Sono stati mesi pesanti” ha detto, “ma abbiamo tenuto fede ad un impegno: lasciare la Campania in mani sicure.”

De Luca ha poi annunciato una massiccia verifica epidemiologica entro il mese di gennaio. Si tratta di un atto di responsabilità per capire cosa sia successo durante le feste. “Attenderemo l’ultima settimana di gennaio per procedere, dopo prenderemo le decisioni definitive. Per ora” ammonisce “c’è bisogno della massima prudenza in tutti i campi (dalla scuola ai trasporti ai servizi).

Ti consigliamo come approfondimento – Afragola, palazzo crolla in pieno giorno: intervengono i Vigili del Fuoco

De Luca zona arancione: la proposta a livello nazionale

de luca covid campania, de luca zona arancione

Il governatore passa poi all’attacco del governo in merito alle misure adottate per le riaperture. “Non condivido la linea del governo delle mezze misure, che servono a due scopi. Da una parte prolungare l’epidemia e non accorciare i tempi della ripresa. Dall’altra mandare l’Italia al manicomio.” Il riferimento è al repentino cambio di colore a cui i commercianti – specie i ristoratori e gli albergatori – sono sottoposti, che impedisce loro una ripresa completa delle attività. “È un calvario quotidiano che sta mandando all’esaurimento nervoso l’Italia intera” denuncia De Luca. La sua proposta è l’istituzione di una zona arancione per tutta Italia, almeno fino alla fine di gennaio. Unica deroga per le zone ad alta criticità, che diventerebbero rosse. “Meglio istituire misure semplici che valgano per tutta Italia all’insegna della prudenza. Noi vogliamo aprire tutto, ma per sempre – non per finta.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque + 15 =