Stretta sui reati minorili, ecco cos’è il “Decreto Caivano”

0
714
Decreto Caivano,

Decreto Caivano viene chiamato così il decreto-legge approvato in Consiglio dei Ministri nella giornata di ieri. Introdotte misure urgenti di contrasto al disagio giovanile, alla povertà educativa ed alla criminalità minorile.

Ti consigliamo come approfondimento- Ragazzo di 14 anni spinto da due coetanei sotto un treno: vittima di baby gang

Decreto Caivano: ecco alcune delle norme previste

Decreto Caivano, Meloni
Dal profilo facebook di Giorgia Meloni

Nel nuovo Decreto-legge si passa dal Daspo urbano alle sanzioni ai genitori ecco alcune delle nuove norme.

  • Daspo urbano ai maggiori di 14 anni anche in caso di violenza o resistenza a pubblico ufficiale, ai minori sarà vietato andare in alcuni luoghi pubblici.
  • Misure accessorie disposte dal questore come ad esempio l’obbligo di presentarsi all’ufficio di polizia almeno due volte a settimana o l’obbligo di rientrare a casa e non uscire entro determinati orai
  • Foglio di via obbligatorio
  • Carcere preventivo. Viene abbassato il limite di pena prevista per esercitare la custodia cautelare ai minori. Da 9 a 6 anni.
  • Messa alla prova possibile sin dalla fase delle indagini in caso di pena inferiore a 5 anni.
  • Armi e droga. Il decreto inasprisce il trattamento per la detenzione illeggittima di sostanze stupefacenti e armi
  • Le sanzioni ai genitori. Se il minore dovesse essere condannato per associazione mafiosa o per associazione finalizzata al traffico di droga è prevista la revoca della potestà genitoriale. I genitori rischiano fino a due anni di reclusione se il minore va a scuola. Se non si può certificare la presenza scolastica si incorre nella revoca dell’Assegno d’inclusione.
  • Vittime reati telematici. La vittima di reati telematici potrà presentare istanza al gestore del sito internet o del social network.
  • Stop ai cellulari. Il questore potrà vietare ai soggetti superiori ai 14 anni di possedere o utilizzare telefoni cellulari e altri dispositivi per le comunicazioni.
Ti consigliamo come approfondimento- In Italia troppi ragazzi tra gli 11 e i 25 anni bevono alcolici

Le parole del Ministro degli Esteri Antonio Tajani

crisi energetica ios 14 cellulare smartphone internet pubblicità moleste, whatsapp consigli polizia postale pulizia monitor, whatsapp reazioni messaggi, Decreto CaivanoDecreto Caivano. Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha sottolineato l’importanza della rieducazione per i soggetti molto giovani. “Un giovane criminale è un criminale ma non è detto che debba esserlo per tutta la vita. Noi dobbiamo tagliare i legami con il mondo criminale”. Il Ministro si è espresso anche sulla questione relativa ai cellulari dicendo che: “Non è una questione risolutiva. Certamente per un giovane è un sengale forte ma non è che si risolve perché poi se lo fanno prestare dal fratello o trovano il modo per usarlo”.

Non solo provvedimenti sui minori 

Nel CDM oltre che le disposizioni già spiegate sono stati stanziati 45 milioni di euro a Lampedusa per far fronte all’emergenza relativa all’incremento dei flussi migratori ed è stato approvato il blocco (a partire dal 2024) delle vetture diesel Euro 5.