Decreto Draghi: possibili riaperture a metà aprile. É scontro nel Governo

0
244
cts lockdown decreto legge pasqua, decreto draghi

Decreto Draghi, saranno decise le nuove modalità da attuare dopo Pasqua nel Consiglio dei ministri previsto per questo pomeriggio. I partiti sono divisi. Se il ministro Speranza sottolinea ancora come ci sia bisogno di cautela, Lega e Fratelli d’Italia spingono per le riaperture. 

Ti consigliamo come approfondimento – XXV Giochi Olimpici invernali Milano-Cortina 2026: svelato il logo ufficiale

Decreto Draghi: le misure dopo Pasqua

spostamento regioni, passeggero volo positivo, cts lockdown, decreto draghi Dopo Pasqua, quindi dopo il 7 aprile, saranno quasi sicuramente prolungate le attuali restrizioni. Non saranno previste zone gialle fino almeno alla metà di aprile, se non direttamente fino a maggio. Gli spostamenti tra regioni non saranno ancora concessi se non per motivi di salute o lavoro. Anche la decisione sulle piscine e palestre sarà probabilmente posticipata al mese di maggio. Come anticipato saranno aperte le scuole fino alla prima media anche nelle zone rosse. Atteso inoltre anche il provvedimento per l’obbligo vaccinale ai sanitari. Queste restrizioni potrebbero però iniziare ad allentarsi verso la metà d’aprile. Secondo della anticipazioni potrebbero esserci delle parziali aperture dopo il 20 aprile. É probabile che su questo punto verterà il dibattito in Cdm di questo pomeriggio. 

Ti consigliamo come approfondimento – Scuola, i dati parlano: “Stare in classe non incide sui contagi”

Decreto Draghi: cosa succederà dopo il 20 aprile

decreto draghi Anche se sono ancora da considerarsi tutte ipotesi, potrebbe esserci una parziale riaperture per le regioni la cui incidenza di contagio scenderà sotto i 100 positivi ogni centomila abitanti. Questo non porterebbe ad un cambio di colore, ma potrebbe significare delle possibili aperture automatiche. In particolare si sta premendo per la riapertura di bar e ristoranti almeno per pranzo. Questo resta ancora una grande “se”. Nella maggioranza permane una grande spaccatura tra rigoristi e non. Mentre il centro destra preme da sempre per un allentamento delle misure, Pd e M5s sono ancora molto rigidi. La possibilità di parziale riapertura verra concessa solo se i dati di contagio scenderanno nelle prime due settimane di aprile. La ministra Gelmini si è espressa in merito. “Fino al 15-20 aprile ci vorrà ancora molta attenzione. Poi se i numeri migliorano all’interno del dl servirebbe un automatismo per prevedere aperture mirate.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − 5 =