Detenuto torturato in carcere a Reggio Emilia: video shock documenta il pestaggio

0
319
Detenuto torturato

Detenuto torturato nel carcere di Reggio Emilia. L’episodio risale al 3 aprile scorso ed è stato filmato da alcune telecamere interne al penitenziario. L’uomo è un 40enne di origini tunisine. Sarebbe stato preso a pugni, incappucciato e denudato prima di essere riportato nella sua cella dalla Polizia Penitenziaria. Dei 10 agenti della Polizia Penitenziaria sotto inchiesta 8 sono stati accusati di tortura. L’avvocato della vittima parla di “immagini agghiaccianti”.

Ti consigliamo come approfondimento- Nuovi risvolti nelle indagini per le violenze nel carcere di S.M. Capua Vetere: altri 41 colpevoli di torture e percosse

Detenuto torturato in carcere: 8 agenti di Polizia Penitenziaria accusati di tortura

bambino torturato, Daniele Carlomosti, Detenuto torturato Detenuto torturato in carcere a Reggio Emilia. Un video shock documenterebbe un violento pestaggio che un detenuto tunisino 40 enne avrebbe subito lo scorso 3 aprile da alcuni agenti della Penitenziaria. La procura reggiana avrebbe svolto un’inchiesta a carico di 10 agenti della Polizia Penitenziaria accusandone 8 di tortura. Le immagini mostrano sopruso e l’indicibile violenza utilizzata dagli agenti contro il detenuto solo e inerme nelle loro mani. L’avvocato della vittima commenta: “Immagini agghiaccianti”. Il legale del tunisino rimarca l’inaccettabilità di questo inaudito sopruso ai danni del suo assistito perpetrato dalle Forze dell’Ordine. Luca Sebastiani, questo il nome dell’avvocato difensore, rimarca la celerità dell’intervento da parte della procura di Reggio Emilia.

Ti consigliamo come approfondimento- Milano, 16enne violentato e torturato da una baby gang nel carcere minorile

Cosa mostrano i video ripresi dalle telecamere interne al penitenziario?

Detenuto torturatoI video messi agli atti dalla procura mostrerebbero l’uomo incappucciato con una federa di cuscino. Il 40enne sarebbe stato messo pancia a terra con uno sgambetto e poi preso a pugni al volto e al costato. Terminato il pestaggio sarebbe poi stato calpestato, denudato, trattenuto per diversi minuti, sollevato di peso e infine, sempre col cappuccio in testa, trascinato nella sua cella. L’aggressione è avvenuta in un corridoio dell’Istituto di Reggio Emilia ed hanno condotto 8 agenti della P.P. ad essere accusati del reato di tortura.