Di Maio vs Conte: “Il reddito di cittadinanza l’ho firmato io e lui ora si prende il merito”

0
32
Di Maio Conte reddito cittadinanza

Di Maio Conte reddito cittadinanza, e un amore finito male. Il ministro degli esteri, ex vice premier, spalla di Conte (attuale leader del Movimento 5 Stelle) lancia frecciatine pesanti. Lo fai nei confronti di tutti. Da Salvini a Meloni passando per Conte. Non risparmia nessuno. Soprattutto l’uomo che ha preso il suo posto all’interno del Movimento 5 Stelle. Di Maio infatti rivendica alcune battaglie come proprie dicendo che Conte si sta soltanto prendendo i meriti. Insomma dall’amarsi all’odiarsi il passo non è così lungo come sembra. Di Maio e Conte lo stanno dimostrando.

Ti consigliamo come approfondimento – Luigi Di Maio e la “dirty dancing”: il video girato da Nennella a Napoli diventa virale

Di Maio Conte reddito cittadinanza: l’attacco al leader pentastellato

Di Maio Conte reddito cittadinanza, conte reddito di cittadinanza
Giuseppe Conte, dalla sua pagina Facebook ufficiale

Partiamo dall’attacco a Conte da parte di Luigi Di Maio. Sugli altri leader di fatto le stoccate sono comunque pesanti ma in questo caso si tratta di un attacco a un ex compagno di movimento. “Il decreto dignità e il reddito di cittadinanza sono due leggi che ho firmato io da ministro del lavoro“. Afferma l’attuale ministro degli esteri. “Conte ora si sta prendendo i meriti di queste battaglie” sostiene. “Prometto che resterò coerente con il progetto e l’impianto che mi sono prefissato” afferma poi. “Quello di un paese che non sfascia i conti ma che vuole crescere con responsabilità”. Poi torna sulle sue misure: “Il taglio dei parlamentari, la legge elettorale magari con preferenze, così come il tema del decreto dignità” racconta. “Tutto andava e va maggiormente affrontato. Così come bisogna continuare la battaglia sul salario minimo”.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi chiama Grillo: “Lascia Conte e sostieni Di Maio”

Di Maio Conte reddito cittadinanza: l’attacco verso Calenda

tunisia, Di Maio Conte reddito cittadinanza,
foto facebook Luigi Di Maio

Con Calenda si sà, Di Maio non nutre ottimi rapporti. Soprattutto dopo che il leader di Azione l’ha definito un “venditore di bibite”. “Questo razzismo e questa discriminazione sui lavori fanno schifo” dice Di Maio senza mezzi termini. “Un sacco di ragazzi fanno gli steward allo stadio, vendono le bibite agli eventi e con questi lavori, alle volte, mandano avanti una famiglia”. Per questo: “Bisogna rispettare certe persone e non usare un tono dispregiativo verso una professione umile“. Poi continua: “I lavori umili ti forgiano la personalità. Per questo dico ai ragazzi che ascoltano le parole di Calenda di non vergognarsi per il lavoro che fanno”.

Ti consigliamo come approfondimento – Beppe Grillo annuncia ufficialmente la morte del M5S sul suo Blog e lancia una frecciatina a Di Maio

Di Maio Conte reddito cittadinanza: la stoccata finale per Salvini

lega coprifuoco, Di Maio Conte reddito cittadinanza,
Matteo Salvini, dal suo profilo Twitter

Nel primo governo Conte è stato Salvini che ha provocato una vera e propria crisi in piena estate buttando giù il governo” afferma Di Maio. “Da una parte c’era la responsabilità di una nazione e dall’altra gli interessi personali e di partito”. Da qui mette in guardia l’altra leader della destra. “Per questo immagini avverrà lo stesso con Giorgia Meloni“. Di Maio infatti dice: “Io conosco Salvini e le specialità della sua casa. Inizierà a picconare chi sta davanti a lui nel governo sin dal primo giorno“. Questo dunque il parere sul comportamento che assumerà il leader del carroccio nel caso Meloni dovesse trovarsi davanti a lui nel Governo. Infine: “Io lavoro per non far andare la destra al governo e portare la coalizione progressista alla vittoria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × due =