Di Maio, Franceschini e Giorgetti: il Governo è nelle mani di M5S, Pd e Lega?

0
214
Di Maio Franceschini Giorgetti
Foto dai profili Facebook ufficiali

Di Maio Franceschini Giorgetti: è questo lo stravagante trio del neo Governo di Mario Draghi. Rispettivamente, sono i vice leader di M5S, Pd e Lega e per la prima volta lavoreranno insieme all’esecutivo. Così diversi tra loro, avevano già da tempo un’idea in comune: puntare sull’ex presidente della Bce.

Ti consigliamo come approfondimento – M5S rischio scissione. Lezzi: “Possiamo votare ‘No’ a Draghi!”

Di Maio Franceschini Giorgetti: Draghi aveva un piano?

Di Maio Franceschini GiorgettiDi Maio Franceschini Giorgetti: questi tre nomi sono il condimento principale del nuovo esecutivo. Il primo è stato confermato come Ministro degli esteri; il secondo continua con il Ministero per i beni, le attività culturali e il turismo; il terzo ha ottenuto il nuovo incarico di Ministro dello sviluppo economico. In sintesi, il quid del Governo sembra essere proprio concentrato tutto in questi tre dicasteri. Nonostante siano i vice leader di M5S, Pd e Lega, gestiranno molto più di quanto possano fare i loro superiori. Hanno la caratteristica di essere buoni mediatori, ma anche quella di prendere scelte immediate e inimmaginabili.

A questo punto, bisogna chiedersi se quella di Draghi non sia stata una mossa premeditata. Di Maio, Franceschini e Giorgetti hanno in mano le case politiche che rappresentano e buona parte delle coalizioni. Il voto di fiducia si avvicina, e avere accanto uomini così è un fattore da non sottovalutare. Dal canto loro, i tre ministri già da tempo avevano mostrato un solo unico punto saldo in comune: Draghi all’esecutivo.

Ti consigliamo come approfondimento – Conte lascia Palazzo Chigi, tra gli applausi passa la campanella a Draghi

Di Maio Franceschini Giorgetti: le posizioni dei tre partiti

Di Maio Franceschini Giorgetti
Dai profili Facebook ufficiali

Di Maio Franceschini Giorgetti – Il M5S è sull’orlo di un’implosione. Alcuni parlamentari del partito hanno sconfessato l’esito del sondaggio su Rousseau, chiedendo di rivotare. Contemporaneamente, buona parte di senatori e deputati si sono ribellati ai capogruppo e ai vertici. I pentastellati non sono mai stati così spaccati internamente, soprattutto dopo l’alleanza pattuita con Lega e Forza Italia.

La direzione del Pd punta in modo unanime verso Draghi. “Mattarella ha messo a disposizione del Parlamento una delle figure più autorevoli e prestigiose”. Così ha dichiarato il segretario Zingaretti.

Anche la Lega, alzando non pochi polveroni sull’idea di un Salvini europeista, ha dato il proprio appoggio. “Le priorità della Lega non sono i Ministeri, ma sono risolvere i problemi della salute, del lavoro e del ritorno alla vita normale. Non mettiamo veti. Prima si parte, meglio è”, ha affermato il leader del Carroccio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 3 =